Ritorno a casa

Viaggio “breve” ma intensissimo, quello siciliano.

WP_20140804_022

Ritorno a casa carica di nostalgia e pronta a elencare i principali pregi di questa regione.

Pregio numero uno: il cibo.WP_20140808_004

In Sicilia ogni secondo senza cibo è un secondo sprecato. Chi non mangia è perduto. Lì chiunque muore dalla voglia di dirti quanto sei magro, che non mangi abbastanza, che c’è sempre tempo per un bis e un tris. Lì ti spediscono in aeroporto con le provviste per un anno. E se tu dici che hai solo un misero bagaglio a mano, che viaggi con un “low cost” (che ti dissangua in ogni caso, tentando di sbolognarti profumi a prezzi vantaggiosissimi e caffè macinato direttamente in volo e assurdità simili), loro non ti credono.WP_20140805_001

Insomma, tu il cibo non te lo puoi portare su sto benedetto Ryanair, ma niente, non vogliono sentir ragioni. Al limite ti puoi mangiare un cannolo e quattro cassate durante il check in, dicono. Bene, dicevo, pregio numero uno e facciamo pure numero due il cibo.

Pregio numerononsoché: l’ospitalità. Sì, perché io son dell’idea che pure al nord siamo ospitali, ma mai quanto al sud. Perché al sud non si sforzano, non simulano educazione. Al sud o ti ci mandano o ti adorano follemente, non esistono mezze misure. Il ché per chi è abituato a fingere cordialità è sempre un po’ spiazzante.

Cava D'Aliga

Cava D’Aliga

Altro pregio: spiagge libere, liberissime. Non serve aggiungere altro.

Nino

Nino

Infine: la gioventù mista alla tradizione e l’amore degli abitanti verso la loro regione. In Sicilia moltissimi giovani mandano avanti le “baracche”. Lavorano nei locali, nei musei, ovunque. L’attaccamento degli abitanti per l’isola è forte. Un “pezzo” di storia, simbolo di un antico mestiere (quello dello stagnino) è Nino “u Lantirnaro”. Se vi capita di passare  a Scicli, andate da lui a scrivere un pensiero nella sua celebre agenda. Nino ha una memoria pazzesca e tante storie da raccontare.

Vi assicuro che non mi pagano per sponsorizzare la Sicilia, ma considerandola ormai una seconda casa ho voluto tesserne le lodi.

Annunci

11 pensieri su “Ritorno a casa

  1. rossellas ha detto:

    bello sentir parlare della mia terra in un modo semplice e vero. grazie.
    “ogni secondo senza cibo è un secondo sprecato. ” vero, vero, verissomo e le mia ciccia lo dimostra. Magari ti va di dare un’occhiata ai miei post su Messina (che accollo che sono!)

    Mi piace

    • Cose da V ha detto:

      Guarda, il mio ex ragazzo (con cui sono in ottimi rapporti perciò non hai riaperto vecchie ferite ahahaha) è siciliano quindi in Sicilia ci sono stata diverse volte. Non so se hai presente il film Benvenuti al Sud dove viene detto che chi va al sud piange due volte, quando arriva e quando riparte (o na roba simile). Ecco io all’inizio ho faticato ad ambientarmi perché erano tutti molto affettuosi (e io odio il contatto con estranei)… Al momento di tornare a casa ero io sciolta in lacrime in un abbraccio. Quindi per me la Sicilia è davvero un post speciale che spero di visitare ancora meglio, a Messina ho fatto una brevissima tappa e il bagno! Stasera vengo a leggerti volentieri, nessun accollo, anzi!

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...