Superflue come i peli sulle gambe

kim-cattrall-as-samantha-jones-in-sex-and

Samantha

Oggi pensavo a quanto inutili sono certe conversazioni fra donne. Ora, ascoltandone alcune, da donna non dico che vorrei essere uomo, perché l’unica invidia che ho provato verso il sesso maschile è la possibilità di far pipì ovunque, ma poi mi sono resa conto che non mi sono mai fatta tanti scrupoli per pisciare un po’ dove mi pareva, alla fine una non c’ha i mezzi ma si arrangia e dunque sì, non vorrei esser uomo ma a volte vorrei che certe donne ragionassero come un uomo, o almeno come me. Perché benedette ragazze sentite sempre l’esigenza di parlare dei vostri fidanzati? O del trombeur di turno? Ci sono tantissimi argomenti di conversazione e voi sprecate ore preziose a tediarci con le vostre storie del momento. Non capirò mai l’esigenza di doversi sfogare su argomenti così banali. Senza offesa, uomini, ma siete l’argomento più banale che esista al mondo. Ma non perché non siate interessanti, per carità, siete il centro del nostro mondo ma perché si parla di voi sempre quando fate gli stronzi o quando non sapete soddisfar una donna – in tutti i sensi. A me ste cose annoiano da morire. Non capisco le donne che vengono a chiedere come comportarsi con il proprio partner. Ma non potete chiederlo direttamente a lui? Per me certi discorsi sono una croce. Non so se la mia sia una sorta di emotività razionale, so solo che parlare di problemi coi fidanzati è una cosa noiosissima. Sono discorsi sterili, infiniti, che anziché riempirti ti svuotano, del tutto. E io sono una gran conversatrice, nel senso che amo chiacchierare, perciò quando esco non ho nessuna voglia di stare ad ascoltare le pene d’amore di qualcuna, ma ascolterei volentieri il suo parere su un telefilm o su un ristorante, per dire. Ammetto di non essere proprio l’amica ideale, per carità, ne sono consapevole. Però per me non c’è cosa peggiore di questa: gli sfoghi sui maschi. E sapete perché? Perché io mi sfogo direttamente con l’interessato, non mi perdo in chiacchiere frivole con persone che non rientrano nel mio menage. Insomma, per me certe conversazioni sono davvero superflue. E la sensazione che provo quando so di doverle affrontare è la stessa di quando devo estirpare i peli superflui. Solo che in quel caso è una cosa che non dura ore. Poi magari tra qualche giorno leggerò un post di qualcheduna che si lamenta di tutte quelle donne che esprimono pareri sulla mousse al cioccolato. E lì mi sentirò punta sul vivo.

Annunci

13 pensieri su “Superflue come i peli sulle gambe

    • Cose da V ha detto:

      Hai ragione pure te, solo che continuo a pensare che una persona sappia esattamente la scelta giusta (o sbagliata) da fare e che i confronti siano semplicemente uno sfogo. Se, come dici tu non si fanno discorsi monotematici ci possono stare, altrimenti diventano sedute dallo psicologo.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...