Appunti di Natale novembrino

Caro Babbo Natal che sei nei cieli portami tanti bei regali. Voglio le sfumature rosse fra i capelli, voglio un maglione con le renne anche se è ridicolo, fatti miei (intanto c’ho già le mutandine con la renna, tiè)… Le renne sono animali bellissimi. Voglio domeniche più lunghe da passare fuori, pure col freddo, io mi infagotto e non ci penso. Voglio la neve, tanta neve, voglio che certe mie cugine ritrovino quella voglia di stare assieme che avevano un tempo, voglio che facciano pace, voglio che tornino come prima, cane e gatto sì, ma allo stesso tavolo. Voglio tutti riuniti, come sempre, non voglio che manchi nessuno, sono stufa dei posti vuoti che potrebbero occupare ma invece se ne stanno altrove, voglio decorazioni bicolore, voglio le carole, voglio spendere soldi per cavolate, sì, lo voglio, non mi frega se è da superficiali, non rompetemi le palle natalizie con la solita sbobba anti natale, non mi frega se le vostre famiglie si riuniscono per forza, sono solo fatti vostri, non mi frega se per voi è tutto fasullo, io un giorno all’anno voglio sognare, anche se avrò ventiquattro anni, anche se non vado a messa da anni, non me ne frega un cazzo, voglio godermi il natale come ogni anno, mangiare assieme, scaldarci accanto al fuoco e sperare che ci sia ancora quell’amore famigliare che ci teneva appiccicati. Voglio sorrisi, non finzione, voglio essere felice di esserci quel giorno. Voglio che a novembre già ci siano le luci natalizie, mi faccio andare bene pure le vostre lamentele sui panettoni nei supermercati che novembre manco è finito, non mi frega, mi sta bene così. Portami quella voglia di stare bene, quella serenità che ci impedisce di sentirci soli. Per la mia famiglia farei qualsiasi cosa, fosse per me farei pranzi di natale ogni giorno, terrei le luci accese e appese fuori come fosse sempre festa, solo per loro.

Annunci

61 pensieri su “Appunti di Natale novembrino

  1. avvocatolo ha detto:

    ma che post splendido! Lessico famigliare, grammatica d’amore filiale e parentale, uno squarcio nel tuo intimo, che arriva fin nelle… mutande! COn la renna! Bello bello bello. Lo voglio pure io un Natale così! E TANTA NEVE!

    Mi piace

  2. ricettedacoinquiline ha detto:

    Mi fai stare male. Quest’anno sarà il primo natale senza mio fratello (per fortuna é solo andato via xD) però sento già che mi mancherà, perché a Natale siamo tutti più buoni e stare seduti a tavola a parlare di cibo, regali e altre cazzate, almeno una volta l’anno ci vuole. Voglio anch’io il maglione con le renne!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...