Insolite amicizie

decorazioni-con-le-pigne

Pigna a caso presa dal Web

 

Fin da piccola ho dimostrato una scarsa predisposizione per fare la “mamma”. Quando le bambine mi costringevano a giocare a “famiglia” io al massimo facevo la figlia o meglio ancora la “cugggina”. Le mie bambole finivano sempre abbandonate in qualche angolo della casa e udite udite preferivo di gran lunga giocare con mio cugino e i suoi soldatini, o con le macchinine. I miei giochi comprendevano spesso animaletti, dinosauri, macchinine e  solo successivamente le Barbie. In pratica una sentinella, una di quelle che a quanto pare si trovano nelle peggiori manifestazioni, non faccio nomi: FAMILY DAY, ecco, una di quelle che io userei come bambola vudù o come pallina antistress mi avrebbe sicuramente bollata come papabile lesbica. (Esiste gente che la pensa davvero così, ahimè). Aggiungendo il fatto che da bambina mi vestivo da maschiaccio e mio padre diceva “ma mia figlia la metterà mai una gonna?” e io “no, no, no, e poi no!”, “le gonne non mi avranno mai.”.. E invece alla fine mi hanno avuta, mannaggia a me! Ecco, da bambina non facevo mai la mamma di bambolotti e chiedevo sempre ai miei “ma quando me lo prendete un cane?” e niente, non volevano prendermene uno.

Insomma, ho dovuto arrangiarmi e sapete che ho fatto? Mi sono presa cura di una pigna. Sì, una pigna. Mi ci fissai di brutto, la portavo ovunque, mentre tutte giravano con passeggino e bambino finto vestito da battesimo io portavo a spasso una pigna. E non ero povera, ero solo boh, strana? Inquietante? Sì, sicuro. Giravo con questa pigna, nonostante da bambina avessi  amici con cui stare e anche giocattoli dignitosi, ma quella pigna per me era tutto. Quando le mamme dei miei compagni mi chiedevano “perché ti porti in giro una pigna?” io rispondevo “i miei non vogliono prendere un cane”. Le diedi  pure un nome, la infilai in un calzino per portarla alle feste dei miei amichetti (ussignur!), le facevo il bagno, dormiva in una scatola di scarpe. E mentre un bambino del terzo mondo mi spiava col cannocchiale dicendo “ma guarda sta stronza, piena di giochi, fa la fricchettona di turno con la pigna, te possino…” io imperterrita ostentavo la mia pigna.

Probabilmente se una sentinella di quelle che dicono “i figli devono avere un papà e una mamma!” e a me vien da pensare, speriamo che tu non ti riproduca mai… Ecco, se mi avesse potuta vedere all’epoca mi avrebbe rifilato tutte le macchinette possibili e immaginabili, della serie se proprio devi fare la strana gioca con robe da “maschio”, perché chissà che cosa avrebbero pensato di me, una bimba che gira con una pigna, altro che GENDER e compagnia.

Comunque, i miei genitori (benedetti loro) non mi dissero mai nulla, né ostacolarono quella malsana mania. Siccome oltre ad avere hobby discutibili ero pure parecchio distratta, un giorno persi quella pigna nel bosco e piansi tutte le mie lacrime. Davvero, soffrii come un cane e spirituale com’ero pregavo di ritrovarla, un giorno. Ovviamente non l’ho più trovata quella povera pigna, che compariva pure in certe mie foto di famiglia, però la ricorderò sempre con affetto, ci avevo proiettato sopra un sacco di cose, roba che uno psicanalista avrebbe fatto la sua fortuna, insomma.

Fatto sta che anni dopo i miei pensarono bene di assecondarmi e di pigliarmi un cane…

Annunci

186 pensieri su “Insolite amicizie

  1. ricettedacoinquiline ha detto:

    E meno male te l’hanno preso… Altrimenti potevi sempre crescere il solito fagiolo borlotto! Io avevo (ho) un peluche di un gatto bianco con gli occhi azzurri (la Disney mi ha plagiata) dall’età di 1 anno. Quando questa povera bestia (meno male che é un peluche) cadeva dal finestrino della macchina “perché non respira bene dentro” io iniziavo ad urlare. Una volta si son fermati in autostrada per andarlo a prendere… Però a me nessuno ha preso il cane. Solo un altro gatto. Tigrato. (ora ho anche il cane, alla faccia vostra, BABBANI)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...