Un vegano ci seppellirà

mela-pera-pompelmo-gambi-di-sedano-menta-640x480

(Foto dal Web)

Ieri per poco non mi pigliava un colpo al cuore mentre leggevo “Stop ai kebab e alle friggitorie in centro storico”, ( notizia riportata sul sito L’Arena, giornale di Verona).

Voi direte, ma ci saranno notizie ben più tristi e sconvolgenti… No, non ce ne sono.

A parte che leggendo solo il titolo mi era tipo passata tutta la vita davanti, perché per una frazione di secondo mi sono immaginata tutti quei luoghi succulenti chiudere baracca e burattini, compresa la piadineria a cui sono tanto affezionata, e già mi stavano girando perché sto collezionando i punti sulla tessera per vincere una piadina gratis (l’anno scorso ce l’ho fatta, ma poi contenta di non spendere una lira ho aggiunto altre robe e alla fine ho pagato come le altre volte): sì sono una persona triste.

Ma insomma, ecco qualche punto saliente dell’articolo in questione: “Grazie a questo provvedimento – ha detto Tosi – non sono ammesse aperture ex novo di attività artigianali del settore alimentare che producano e vendano cibi la cui preparazione possa incidere sul decoro della città, questo a tutela non solo del patrimonio storico ed architettonico del centro ma anche della tradizione e della tipicità culturale del territorio veronese.” 

Vi giuro che non ho capito cosa intendesse dire.

Perché i locali del centro che non ti propinano fritture sono quei classici postacci per turisti, dove la gente si siede a consumare spritz Aperol a cinque euro e poi decide di pranzare con le specialità veronesi: spaghetti alla bolognese o insalatone, facendosi ingannare dalle foto dei piatti sui quegli orridi menu che fanno tanto anni 80.

Io direi che quei posti spacciati per ristorantini “locali” siano peggiori di un ristorante cinese spacciato per beh, un ristorante cinese.

E poi: Di fatto – ha concluso Ambrosini – in centro storico non sarà più possibile aprire attività d’asporto di cibi etnici, riferibili alla cultura orientale e medio orientale. 

Okay, ma è necessario porre l’accento su quell’etnici? Di sicuro è una questione ambientale e tutto quanto, ma certe dichiarazioni che utilità hanno? A Verona di osterie tipiche ce ne sono, per non farsi spennare basta muovere un po’ le chiappe e spostarsi dal centro, credo eh. Altrimenti, tutti a pranzo dal Sior Tosi!

Che poi, io lo sapevo, lo sapevo che saremo finiti così, infestati da quei cazzo di localini bio, con i mangiafrullati a tutte le ore del giorno, che manco nel peggiore dei miei incubi.

Qui l’articolo.

Annunci

32 pensieri su “Un vegano ci seppellirà

  1. ysingrinus ha detto:

    A me quelli che decidono o anche solo sindacano su quello che mangio mi irritano orribilmente. Se un vegano non vuole alimenti di origine animale nel suo piatto non si riempia di alimenti di origne animale ma non infastidisca me.
    I localini tipici dei centri sono uguali dappertutto: delle truffe per turisti che di classico o caratteristico non hanno neanche i titolari solitamente.

    Mi piace

  2. Gintoki ha detto:

    A me queste cose fanno proprio ridere.

    Perché invece giustamente il centro storico è ben rappresentato da Zara, Foot Locker, Lush e tutte le altre catene. Nella Firenze dei Medici ci si vestiva da Stradivarius!

    Ora, non so come sia il centro storico di Verona, ma tutti i centri storici che ho visto sono diventati uguali perché ci sono le stesse catene.

    Sta a vedere il problema è l`etnico. Meglio il ristorantino tipico fregaturisti con la tovaglia a quadretti e i pomodori appesi fuori che ti fa pagare 10 euro un piatto si spaghetti al pomodoro!

    Liked by 1 persona

    • Cose da V ha detto:

      Uh, mamma mia, che gran cosa che hai detto. I centri storici europei ormai sono tutti uguali, forse si salva Trieste che non si è ancora rincretinita del tutto, ormai sono fatti con lo stampino, perfino la disposizione dei negozi uguale ovunque, terribile.

      Liked by 1 persona

  3. Valentina M. ha detto:

    Centri storici ormai standardizzati in cui si cerca di proteggere il patrimonio culturale?!
    Li immagino, quei locali dal menù insoddisfacente -che di tipico non hanno proprio niente (se non la clientela di convintoni dal selfie taggato #healthy).

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...