Donne con la D maiuscola! Sì, okay.

Ieri, imbattendomi in questo articolo “Dopo 8 marzo: sul web c’è una svergognata da lapidare” (pagina https://abbattoimuri.wordpress.com/)  mi sono detta non devo fare commenti, non devo fare commenti, non devo fare commenti…

Ma non ho resistito e così ho buttato giù qualche riga su Facebook, questo perché quando leggo certe cose mi risulta difficile tacere/non scriverci niente su. Insomma, l’articolo menziona una foto di una tizia che festeggia l’otto marzo letteralmente sopra a uno spogliarellista, la foto è stata ripresa da una pagina Facebook e commentata con toni al limite della follia: la tizia in questione meriterebbe di essere bruciata viva, stando alle parole dell’amministratrice della pagina Facebook. La tizia è una topa di fogna, una che non merita manco di essere definita donna e via col vento, insomma, na tragedia.

Siccome io cerco di essere il più onesta possibile, ammetto che per me strusciare la patata addosso a spogliarellisti mezzi nudi non mi sembra un’idea entusiasmante, non ci andrei perché mi sentirei a disagio e non sopporterei tutta quella goliardia, così come non sopporto un sacco di altre cose. Non festeggio l’otto marzo, non amo i fiori, ma se qualcuno vuole regalarmi una scatola di cioccolatini (al latte, preferibilmente) dicendomi “congratulazioni per avere la patata” io li accetto volentieri…

A ogni modo, tornando ai commenti, mi sono messa a riflettere sui vari stati Facebook che sono comparsi l’8 marzo… In molti hanno augurato buon 8 marzo solo ad alcune donne, della serie “auguri solo alle donne con la D maiuscola, tranne a quella troia della mia ex… “ o “auguri solo alle vere donne, non a quelle vacche col culo che je casca”… O “auguri donne, siete tutte bellissime, tranne quella stronza, quella che non me la smolla…

Insomma, ci siamo capiti? Gli auguri – non tutti – erano diventati pretesto per insultare la sorella di Tizio, o la moglie di Caio, o la squadra di calcio femminile. Gli auguri erano un modo come un altro per dare delle troie a una fetta di donne, che non si è capito bene per quale motivo, non meritano di essere festeggiate, né di chiamarsi donne. Qualcuna stando alla foto in questione merita addirittura la morte. Insomma, l’8 marzo si è riempito di insulti, di moralisti, di bigottoni, di frustrati che hanno preso a male parole molte donne, tanto così, per passare il tempo… Immancabili i “se l’è andata a cercare, se li cerca gli insulti, bla bla”, sentenza che viene sputata spesso da altre donne.

Vorrei pubblicare alcuni commenti che sono andata a leggermi nella pagina Facebook che ha virtualmente messo alla gogna la tizia:

Vista anch’io. .che schifo…le povere donne morte si stanno girando nella tomba per la vergogna 

certe cose si fanno in privato e col proprio uomo nn in mezzo ad un locale e con uno sconosciuto! Queste donne se così possiamo chiamarle, fanno veramente schifo e degradano il sesso femminile!

La festa della donna è stata rovinata per queste merde umane. Posso capire le ragazze che festeggiano con le amiche nella pizzeria mangiando pizze e bevendo birra o coca cola, ma non condivido assolutamente le ragazze che vanno in quei locali a fare le troie. Ma almeno quel giorno dovrebbero contenersi e che cavolo. Sono morte tantissime donne nella fabbrica per lavoro, per un misero stipendio non di certo andando nei locali a fare queste porcherie, e dando omaggio anche alle donne morte per mariti violenti, mamme che hanno perso la vita sempre per colpa dei mariti lasciando al mondo dei figli facendoli rimanere orfani. Ma la dignità queste dove l’hanno lasciata? Perché non si creano tra di loro la festa della zoccola? Allora si, che quel giorno potranno fare quello che vogliono.

Ma che schifo c’è nel mondo!!! L’8 marzo non dovrebbe essere la festa delle zoccole che vanno col primo che capita.. non dovrebbe neanche essere un giorno da festeggiare ma da ricordare. ..ricordare quelle povere DONNE che sono morte lavorando.

Pensieri profondi e sensati, questi sono i commenti più in vista direttamente sotto alla foto incriminata.

 

Annunci

72 pensieri su “Donne con la D maiuscola! Sì, okay.

  1. Hadley ha detto:

    Avevo già letto e commentato l’articolo in questione sul blog. .. mi sono già espressa in merito. ..ma una cosa che voglio ribadire e che nessuno ha detto è. ..ma il locale (che a quanto pare ha postato e logato la foto… ) che immagine voleva dare di se? O forse, era tutta un idea per far parlare di se ma poi la foto è stata tagliata per non far vedere il logo?

    Mi piace

    • Cose da V ha detto:

      Sì, probabile che cercasse un po’ di pubblicità, ma infatti a me della foto interessa ben poco, non capisco l’assurdità dei commenti, uno può non condividere una cosa, ma da qui ad augurare la morte ne passa…

      Liked by 1 persona

  2. Gintoki ha detto:

    Congratulazioni per la patata che desta in me molta invidia, tal da avere la famosa invidia della patata; restando in tema ortofrutticolo, la rete è un campo dove è facile seminare odio.

    Mi piace

  3. Dama Con il Cappello ha detto:

    Io credo che non sia il tema nello specifico ma il desiderio smodato che hanno certe persone di trovare una scusa per poter sfogare la propria rabbia repressa.
    Oggi c’è questo, domani un’altra cosa.
    Mi chiedo se sia la stessa foto che conosco io visto che è stata scattata in un locale di Genova. Nella foto c’è stampigliata la scritta Fellini.
    Quello è il locale dove si esibisce/esibiva Ruby la “fidanzata” Di Silvio.

    Liked by 1 persona

  4. tiZ ha detto:

    La cosa più raccapricciante di fb è vedere come la gente litiga con perfetti sconosciuti. Poi magari uno organizza una protesta in piazza e nun ce sta nisciun !!

    Mi piace

  5. Laura ha detto:

    Io mi sono espressa nel mio post per l’8 marzo… mi domando sempre cosa costi farsi un cestino di fatti propri, mi domando perchè festeggiare l’8 marzo per dimostrare per l’ennesima volta che siamo nel medioevo. Che poi l’accaduto è vergognoso l’8 marzo, il 9 allora va tutto bene 🙂 e infine… ma non sarebbe bene che ognuno si gestisse la sua? (perdona la mancanza di tatto) …sempre lì a giudicare tutto e tutti, aprissero gli armadi e il cervello. Io come te non festeggio l’8 marzo, o meglio non nel modo convenzionale, ma questo non mi autorizza a sparare a zero su donne come me che vivono la vita in modo diverso da me! Punto. Se il discorso zoccola è assurdo detto da un uomo, sottolineato da una donna fa schifo veramente. Ovviamente è una mia opinione, opinabilissima e controcorrente! 🙂

    Mi piace

    • Cose da V ha detto:

      Bentornata Laura! Quanto è vero, fosse accaduto in un giorno x nessuno avrebbe detto niente. Purtroppo le persone credono di vivere meglio di altre, con una certa morale e chissà quali altre convinzioni, poi però si fregano quando scrivono idiozie come quella… Condivido la tua opinione controcorrente 😉

      Liked by 1 persona

  6. massimolegnani ha detto:

    al latte, no, mi spiace, non ci riesco manco a regalarli, non dico mangiarli. possiamo raggiungere un compromesso su quelli al rhum o meglio ancora nudi e fondenti? 🙂
    (scusa, il discorso che fai è serio e lo condivido. il problema però, per il mio antiquato modo di vedere, è facebook in sè che sembra sollecitare nelle persone gli istinti più bassi e le parole più bieche pur di apparire.)
    ml

    Mi piace

    • Cose da V ha detto:

      Uhm, nocciola??? Io i fondenti li mangio quando non ci sono più alternative. Sono d’accordo sulla tua visione di Facebook, ed è un peccato rovinare un social network di quella potenza cedendo ai commenti più beceri!

      Liked by 1 persona

  7. ricettedacoinquiline ha detto:

    Auguri per avere il ciclo, perché la patata ce l’hanno anche i gender u.u (ma loro dopo festaggiano l’8 marzo? Se sì, allora la patata va bene!)
    Solitamente le schifo anch’io le persone così, però questi commenti orrendi me li tengo per me, non li vado sputtanando ai quattro venti. E poi una persona è libera di fare quel che cazzo gli pare, chi siete voi per fare i moralisti del cavolo? O probabilmente anche loro volevano strusciarsi sul petto di uno spogliarellista, ma o non avevano soldi o nessuno le ha chiamate

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...