Amicizie

THELMA AND LOUISE

Thelma & Louise

Spesso mi capita di sentire o di leggere di amicizie false, persone che si lamentano di essere state tradite dai propri amici (più frequentemente dalle amiche). Non le capisco.

Non mi è mai capitato questo perché l’amicizia la vedo in vari modi… L’amicizia stile compagne di classe, che condividi una situazione per diverso tempo e la relazione si basa su quello, l’amicizia d’infanzia, amiche che conosci dall’asilo con la quale hai condiviso molto in passato e con le quali certe volte il rapporto continua, sebbene non con la stessa intensità di un tempo…

Per me le amicizie non sono molto importanti, non lo dico perché io non abbia amiche, ne ho, ci tengo a loro, ma non vivo quest’amicizia come una questione di vita o di morte. Non ho alcun interesse a frequentarle assiduamente, a raccontargli tutto quello che mi capita. Mi basta vederci ogni tanto, perché lo trovo anche più piacevole. Mi metto a disposizione per buttare giù le rime del papiro di laurea, se si sposassero organizzerei assieme alle altre gli scherzi odiosi del matrimonio, se una viene lasciata l’ascolto e via così, ma non ho la necessità che tutto questo sia ricambiato, anche se per alcuni aspetti viene ricambiato per forza di cose. Non ho un legame profondo con loro, le chiamo amiche perché non mi viene un altro termine da utilizzare, sono persone a cui non farei mai un torto e sono persone che stimo molto, ecco. Non riesco mai ad impegnarmi profondamente in questi rapporti seppure durino da anni, mi sentirei soffocare. Amo stare da sola, farmi i fatti miei, ho difficoltà a concedere il mio tempo. Questo spesso non viene capito, anzi direi che viene snobbato. Io non mollo quello che sto facendo per correre da un’amica, a meno che non sia successo un fatto proprio grave. Non rinuncio a qualcosa per gli altri, perché dovrei?

Per me le amiche sono persone con le quali andare a ballare, bersi una birra, scherzare o trattare argomenti seri, ascoltare insieme musica dal vivo… Con le amiche ne ho fatte tante, sì. E se ci penso provo un moto d’affetto. Ma non sono persone con le quali condivido attimi preziosi, lacrime e difficoltà. Per quanto mi riguarda il concetto di amicizia è piuttosto sopravvalutato, se dovessi rispondere a quella domanda del cazzo su amore e amicizia, quale è più importante io direi senza dubbio il primo. Se penso al grande amore che ho vissuto, alla profondità di quel rapporto, di quel legame, alla condivisione non solo di corpi, ma di paure, di segreti, di ogni cosa. In quel caso sì, ho dato tutto e ne è valsa la pena… In amicizia non do molto e non pretendo granché in cambio.

 

Annunci

47 pensieri su “Amicizie

  1. Hadley ha detto:

    Anche secondo me l’amore viene al primo posto. .. perché racchiude anche l’amicizia. … Comunque io credo che esistano amicizie diverse, c’è quella con cui andare a ballare, quella con cui confidarsi, quella che ti offre una spalla su cui piangere, quella che riesce a farti ridere anche se sei giù, quella adatta a fare shopping e così via… ho diverse amiche ma con ogniuna di loro ho un rapporto diverso

    Mi piace

    • Cose da V ha detto:

      Anche per me racchiude l’amicizia. Sul resto non so, in quel caso le considero persone che vedo per vari scopi, ma non amiche. Persone occasionali, ecco. è un concetto molto difficile da definire, secondo me.

      Mi piace

  2. romolo giacani ha detto:

    Il problema è terminologico. Chiamiamo con la stessa parola legami, sentimenti, rapporti molto differenti fra loro. In ogni caso mi piace il tuo approccio, penso sia l’atteggiamento più sano, per creare legami liberi e per continuare a scegliersi anche dopo anni di rapporti

    Mi piace

  3. ricettedacoinquiline ha detto:

    Quando ero una piccola e tenera ragazzina pensavo che l’amicizia fosse qualcosa tipo “dare dare dare”, ma non ricevevo mai nulla in cambio, quindi ho capito che c’era qualcosa di sbagliato nel mio modo di vedere l’amicizia: effettivamente io sono una persona che anche a uno sconosciuto darebbe un braccio, purtroppo sono BUONA e questo mi ha fregato un sacco di volte, ma sinceramente ormai ho imparato a non dare più me stessa se non alla persona con la quale sto condividendo tutto – essì, hai ragione, – l’amour XD

    Mi piace

  4. massimolegnani ha detto:

    nonostante lo stacco generazionale tra noi, mi accorgo di avere sull’amicizia una concezione e un atteggiamento simili ai tuoi: anch’io ho amicizie settoriali, un amico per gli scacchi, uno per la bici, uno con cui dibattere, uno sul lavoro, uno con cui mangiare, bere e provare nostalgia, ma nessuno o quasi lascio entrare più a fondo in me.
    ml

    Mi piace

  5. Zeus ha detto:

    Commento questo tuo vecchio post e non posso che applaudire la tua analisi. Per me è abbastanza semplice conoscere la gente, mi piace parlare e sono curioso, perciò la gente la conosco senza grossi problemi. Per questo posso dire: ho moltissimi, una marea, di conoscenti. Che possono essere buoni conoscenti, ottimi conoscenti o solo conoscenze passeggere con cui mi sento a volte.
    Poi ci sono gli amici. Quelli sono pochi. Selezionati. Quelli a cui spacco le balle e che sanno che io ascolto il loro tormento (o altro sentimento). Alcuni li vedo di più, alcuni li vedo di meno. Alcuni non li vedo proprio, ma abbiamo un’amicizia che supera il vedersi e può benissimo definirsi anche solo tramite messaggi di whatsapp. Amicizia è un concetto particolare… di difficile definizione.

    Mi piace

    • Cose da V ha detto:

      Molto difficile da definire e poi è soggettiva come cosa.
      Io sono un po’ asociale ma al contempo socievole, sembra impossibile ma è così. Perché mi piace molto chiacchierare, ecco. Soprattutto con persone conosciute così, nel senso che chiacchiero e poi chi s’è visto s’è visto.
      Conoscenti ecco, questo potrebbe essere un buon sostituto del termine amici, anche se un po’ piglia male…

      Mi piace

      • Zeus ha detto:

        Conoscenti ha sempre quella connotazione da “sì sì, ci siamo visti e ciao”… ma non è sempre così, ad onor del vero.
        Ormai diciamo sempre: siamo amici, anche se poi abbiamo meno cose in comune di quante ne abbiamo, che ne so, con i colleghi di lavoro.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...