Armadio di grigi

Glitter+2

Foto da qui

Oggi coi primi 7 gradi della stagione ho tolto la maggior parte della robbba estiva e l’ho rimpiazzata con quella invernale.

Per me non ci sono mezze stagioni, tanto al massimo la mezza stagione dura tipo due giorni in cui sudi dentro a un maglia troppo calda o in cui hai la pelle d’oca con la maglia a mezze maniche e poi ciao, fitte nevicate e stufa pellet a 35 gradi.

Insomma, io non mi faccio certo intimidire da due raggi di sole che ti traggono in inganno e ti fanno credere che puoi permetterti ancora la t – shirt. Io la t – shirt non la sfoggio già da metà agosto, mese che è già autunnale, per quanto mi riguarda.

A ogni modo, dicevo: cambio di vestiti. E che vestiti. Una sfilza di maglioni che manco nei giorni del lutto obbligato. Tutta una scala di grigi e di blu, intristiti dai loro stessi colori. Li fissavo e mi deprimevo. E dire che ho i capelli super vivaci, di sti tempi. Un rosso che prende il sopravvento sul nero naturale. Stonano completamente col mio guardaroba da suora triste e soprattutto col mio umore sotto alle scarpe.

Le giornate sono tutte blu e grigie, da un mese a questa parte. Mi sforzo di sorridere ma scrollarmi di dosso la pesantezza è faticoso. Vorrei riempire l’armadio di colori – non dico vivaci – non oserei, ma più vivi, ecco. Il punto è che ho l’aria lugubre. Vorrei colori caldi e accoglienti, ma mi sento fredda. Il punto è che per una volta tanto la colpa non è mia. Non trovo interesse in niente e dire che sono a un soffio dalla laurea, dovrei come minimo sentirmi realizzata, invece l’ultimo esame (andato super bene) non mi ha strappato manco un sorriso.

Sono fiacca e sprofondo nelle solite cose, di nuovo insofferente nei confronti della gente, di nuovo annoiata dalle nuove conoscenze.

Come tutti i periodi del cazzo o degenera per poi passare o migliora all’improvviso, solo che è difficile mostrare questo muso lungo in giro e quindi di nuovo passo, non posso uscire, mi rintano, poco fiduciosa.

Fisso il mio armadio che quasi mi disgusta per la sua monotonia, lo richiudo, scrivo un po’, viaggi mentali: gli unici che mi riescono bene, al momento.

Annunci

26 pensieri su “Armadio di grigi

  1. intempestivoviandante ha detto:

    A volte iniziare a mettersi qualcosa di più vivace, anche forzandosi un po’, aiuta. e regalati (o fatti regalare) un bel viaggio “reale” per la laurea, anche breve, un posto vicino, ma che hai sempre voluto vedere. Oppure qualche altra cosa che desideri da tempo. O fai una cosa che non hai mai fatto. Comunque ascoltati. Parlati e ascoltati 🙂

    Mi piace

  2. Zeus ha detto:

    Perché tutti dicono di cambiare i colori scuri? 🙂
    Io vesto di nero quasi sempre… i colori chiari sono il grigio e, forse in una camicia, il blu. Non c’è altro.
    Si vive bene anche con i colori neri.

    Mi piace

    • Cose da V ha detto:

      Non saprei, io ho sempre messo colori scuri per non risaltare, già risalto di mio abbondantemente. Forse a volte rispecchiano la personalità, colori scuri = non voglio essere notato. Ma non saprei, dipende sempre se uno se la vive bene o meno! A me i colori troppo sgargianti addosso non piacciano, sembrerei scappata dal carnevale di Rio.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...