Elenco di tre giorni stringati a Praga

  • Gran parte del personale di locali, negozi e via dicendo parla in italiano.  Molti lo parlano meglio di certi italiani. Se parlate inglese meglio, se conoscete pure il ceco allora vi va di lusso.
  • Il personale di locali, negozi e via dicendo sembra (quasi) sempre distaccato e a tratti scazzato. Credo sia una loro caratteristica, in realtà in molti erano super gentili.
  • Se avete carenza d’affetto potrete o mangiare dolcetti a tutto spiano oppure andare sul ponte San Carlo (meraviglioso) e abbracciare i tizi col cartello “Free Hugs”. Oppure fare entrambe le cose.
  • Vanno per la maggiore dei dolci tipici locali che trovate nei baldacchini, in centro. Sono (lo apprendo ora su internet) i “manicotti di Boemia”. Sono dei dolcetti cilindrici, puoi scegliere se consumarli così, se infilarci il gelato o la Nutella. Metterò una foto per farvi capire meglio. Buoni!
  • Vanno per la maggiore gioiellerie che vendono gioielli in ambra o cristalli di Boemia.
  • A me le gioiellerie non interessano.
  • Nei mini market ci sono tanti alimenti alla cannabis. Poi non ho capito cosa ci sia realmente dentro, se sia uno scherzo o che, mi è sembrato curioso. Ma magari io timida e ignorante campagnola (pff) non mi sono accorta che certe diavolerie ci sono ovunque. Non lo so, attendo delucidazioni in merito.
  • I prezzi sono abbastanza onesti, ma è pur sempre una capitale.
  • Io che i fine settimana lavoro in un ristorante ho fatto caso ad alcune cose. Ad esempio se tu hai il bicchiere vuoto si materializza subito un cameriere che te lo porta via alla velocità della luce. Non so cosa dica il galateo a riguardo, io lo trovo un po’ angosciante. I vassoi li ho visti utilizzare raramente e sul tavolo non ci sono (quasi mai) tovaglie. Troverete un contenitore con tovaglioli e posate su ogni tavolino. Più le salse.
  • Il caffè espresso non è buono nelle catene tipo Costa Caffè e menate varie (io da giovane adoravo Starbucks, ma tutti abbiamo le nostre debolezze): se siete caffè – dipendenti prendetelo nelle bettole appiccicate alle stazioni metro. Vi assicuro che più squallido è il locale più il caffè è buono. Anche in Italia trovo che spesso sia così.
  • Il cibo non mi è piaciuto un granché, prevale la carne. A me la carne piace, ma in quei tre giorni non ne ho mangiata molta. La zuppa di Gulash servita nel pane è buona ma pesante, però secondo me è curiosa e va provata.
  • Se portate la macchina fotografica digitale sappiate che 4 giga non vi basteranno. Io ero convinta di sì, che fossero pure troppi. Il secondo giorno avevo la memoria piena e ho dovuto smettere di fotografare ogni minchiata… Toh guarda, un piccione ceco: clic clic.
  • L’Hotel dove abbiamo alloggiato offriva il servizio taxi a 680 Corone Ceche (tipo 25 euri) per trasportare i passeggeri dall’aeroporto all’hotel e viceversa. Sinceramente non so se convenga o meno perché non viaggio mai in tassì e non conosco le tariffe, ma ero con la mia famiglia e ne ho approfittato. Ovviamente 680 Corone in tutto. Certo se l’hotel fa questa cosa carina ma poi il wifi in camera non prende mi manda un po’ in bestia ma d’accordo.
  • Ci sono molti negozietti che vendono cioccolato. E anche la birra al cioccolato.
  • Se volete visitare il castello di Praga pigliate la metro e scendete alla fermata “Hradcanskà”, seguite le indicazioni per il castello (c’è il disegnino sul cartello) vi porterà a un’entrata dove c’è molta meno coda rispetto a quella principale. Ci sarà la polizia o quel che è a controllare se trasportiate armi e a giudicare se siete belli abbastanza per visitare il castello.
  • Pagherete il biglietto per visitare bene bene la cattedrale di San Vito e altre aree del castello, se siete senza quattrini oppure volete conservarli per mangiarvi lo stinco di maiale avrete comunque accesso a molte aree del castello. Vi dirò che secondo me merita pagare il biglietto, perché la cattedrale al suo interno è davvero mozzafiato.
  • Sempre nell’area del castello c’è il Vicolo D’Oro: molto grazioso, a mio parere, anche quello accessibile col biglietto.
  • Per tornare alla stazione della metro senza dover camminare, visti i polpacci doloranti perché non fate mai attività fisica e avete il culo pesante come il piombo (ma finalmente rassodato) potrete prendere il  tram linea 22.
  • Io in realtà preferisco camminare, so che sembra una barzelletta ma mi pesa più il culo a dover cambiare linea alla metro.
  • Praga è molto “amica degli animali”, ho visto solo cani educati in giro, più educati di me e forse anche più puliti. C’è un’area sotto al ponte San Carlo chiamata “Kampa”(isola di Kampa), un’area turistica dove è possibile liberare i cani. In molte zone verdi ci sono dei distributori di sacchetti, così il vostro cane potrà espletare con spensieratezza. Ovviamente per quanto i cani siano educati non raccoglieranno i loro escrementi da sé, ma dovrete farlo voi.
  • I miei cani erano a casa, in Friuli.
  • C’è un’area che se ricordo bene era sempre l’isola di Kampa, ma il mio senso dell’orientamento fa pena, dove ci sono cigni, piccioni, anatre in quantità industriali. Non è che potete andare lì e impallinarli eh, però potrete scattare foto a tutto spiano perché si lasciano avvicinare senza problemi. Quella zona avrebbe fatto la felicità di Hitchcock e chi capisce ha la mia stima e se non capisce camperà lo stesso.
  • Secondo me a Praga amano il nudo, perché ho trovato diverse statue che facevano prendere aria al pisello o che mostravano il didietro con indifferenza. E non parlo di statue antiche.
  • Statue, ho detto statue.
  • C’è il quartiere ebraico abbastanza suggestivo, la Sinagoga spagnola merita.
  • C’è la Casa Danzante: per ammirare il panorama dall’alto della Casa Danzante dovrete consumare qualcosa al bar.
  • C’è Piazza Venceslao con tutti i negozi e le robbbe più commerciali.
  • C’è l’Orologio Astronomico (fichissimo!)
  • Sicuramente ho dimenticato di elencare le cose principali o più importanti o qualche chicca. Purtroppo sono una fotografa scarsa, ma qualche scatto ve lo lascio lo stesso.
  •  Vi lascio anche i link di due articoli su Praga che ho letto prima di partire: Resoconto di Romolo e Quanta storia a Praga di Giusy. E ringrazio anche scrittore5 – 5 per i preziosi consigli!

img_0747-fileminimizerimg_0718-fileminimizerimg_0834-fileminimizerimg_0816-fileminimizerimg_0872-fileminimizerwp_20161018_12_39_53_pro-2wp_20161017_17_13_09_pro-2wp_20161017_17_02_21_proimg_0891-fileminimizerimg_0733-fileminimizer

Annunci

37 pensieri su “Elenco di tre giorni stringati a Praga

  1. Zeus ha detto:

    I “manicotti di Boemia” sono droga pura. Ho trovato la versione ungherese (che poi sarà una versione solo modificata) e posso dire che hanno il loro perché. Ho scoperto che li fanno anche a Innsbruck durante il Mercatino di Natale.
    Odio il Mercatino di Natale della mia zona (dovevo dirlo).
    In effetti ho un problema anche io con la metro/tram/bus. Di solito cammino come un pellegrino e arrivo a fine giornata che sfiato come una teiera e tiro porchi a ripetizione. Ma il bus mi intristisce, non mi fa vivere la vacanza appieno (stronzata, sia chiaro… almeno arriverei a sera che non sono pronto per la messa funebre. Mia, ovvio).
    Solo in Slovenia ho usato, per la prima e ultima volta in vita mia, il trenino turistico. Ma avevo fatto oltre 500km in auto e di camminare, sotto il sole concente, mi veniva a schifo.

    Mi piace

    • Cose da V ha detto:

      Una mia cara amica mi parlò proprio della versione ungherese di quei dolcetti! Comunque sono davvero buoni, anche se a me al secondo giorno già mi avevano nauseato. Io amo il Natale e tutto ciò che lo riguarda, gli aspetti peggiori soprattutto (maglioni natalizi, corna di renna) e robe simili. Odio il resto delle feste “comandate”, tipo Pasqua e Capodanno ma il Natale mi piace, mercatini compresi. La penso come te sui mezzi pubblici, a Verona ad esempio me la facevo sempre a piedi fino all’università, che poi si trattava di poco eh… Però ho quasi sempre evitato i bus. In vacanza idem, secondo me non è una stronzata quello che dici perché se ci pensi viaggiando in bus ti perdi vari angoli dei posti che visiti.

      Mi piace

      • Zeus ha detto:

        Ah vedi? Non sono così buzzurro quanto sembro. E sembro molto buzzurro!!! 😀
        Ovvio che sono iper-dolci.
        Non dirmi che vai ai mercatini? Che anche te prendi auto/bus per andare in Alto Adige a vedere i mercatini di Natale…
        Questo è lo spirito: evitare di perdersi alcuni scorci nascosti!

        Mi piace

      • Cose da V ha detto:

        No no, quelli non li ho mai visti. Però mi piacciono le città addobbate per il Natale e via così. Inoltre l’anno scorso ho girato un intero centro commerciale alla ricerca del maglione natalizio con le renne più orrendo che ci fosse. Non saprei, sotto Natale ho qualche problema, poi mi ripiglio…

        Mi piace

      • Zeus ha detto:

        Ah ok. Nei mercatini di zona ci sono i cappelli a forma di cinghiale, capra, renna… i maglioni di lana inguardabili… tutte cose che fanno male al Natale.
        Insieme agli angioletti di ceramica.

        Mi piace

  2. atouristabroad ha detto:

    Che bella Praga e quanto sono buoni quei dolci! Credo di averne mangiato un quintale in 3 giorni! 😀 inoltre li ho trovati (con mia grande gioia) anche a Budapest, a Innsbruck e a Limatola (in Italia). Ma non avevano lo stesso sapore di quelli mangiati a Praga. Sarà che Praga ha la sua magia che ti entra dentro 🙂

    Mi piace

  3. ricettedacoinquiline ha detto:

    Ennò, il cibo cattivo! Che peccato!
    Neanche a me interessano le gioiellerie, ma avevo immaginato che andasse per la maggiore il cristallo di Boemia XD
    Mi piacerebbe visitarla adesso che ho letto tutti questi punti, ma non ho ancora comprato la memoria nuova alla fotocamera: per ora ho una da 1 gb e una da 4 😦

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...