E voi, avete caldo?

tumblr_nosvu5cTqH1tl9lp1o1_500

Stato d’animo attuale. 2 Broke girls da qui

Qualcuno l’ha già detto che fa caldo?

O ve l’hanno forse chiesto?

No, perché dove lavoro io non c’è l’aria condizionata, perciò servi i clienti con le gocce di sudore che ti colano dalla fronte, la gente ti guarda tra il disgustato e il compassionevole e ti domanda: “hai caldo?”.

“Sì”.

“Si vede.”

Eh, grazie al cazzo.

Non so in quale dimensione viva questa gente, eh.

Tra l’altro anche se non lavoro al Grand Hotel, ma in un ristorante alla buona immerso nel verde, non posso certo vestirmi come una Lolita “scampata da una retata”, un minimo di decoro ci vuole, ahimè.

Comunque vi confesso un segreto. Sapete perché fa tutto questo caldo?

Per colpa mia.

Sì.

Vi ricordate che qualche mese fa me la tiravo da qui a Milano dicendo “ehi, io lavorerò in ufficio con l’aria condizionata”? Ve le ricordate le mie parole, diciamolo pure… Un po’ canzonatorie nei vostri confronti? Del tipo “io posso e voi no!”?

Ecco.

La sfiga o il destino o lo stramaledetto karma che detto fra noi non ho ancora capito cosa cazzo sia esattamente, beh qualunque cosa sia ha deciso di abbattersi contro di me quest’estate.

Il destino si è fatto beffe di me!

Ho inoltre raccolto qualche perla della serata, relativa al caldo e alla mia persona:

Potreste lavorare in bikini, tanto siete giovani.

Certo, domani mi presento con la collana di fiori hawaiana, pinne ai piedi, salvagente e saluto tutti i clienti con aloha.

Ma anche tu che sei così abbronzata soffri il caldo?

Ma sticazzi, non ce li metti?

Ma anche tu che sei così abbronzata hai l’accento friulano, come mai?

Certo, bestemmio anche alla perfezione, se vuol sentire…

Ma il premio cliente d’oro estate 2017 per il momento va all’allegra famigliola che, mentre noi tutte contente ci dicevamo “ah, stasera si finisce presto”, si presenta all’uscio del ristorante alle ore 22 e qualcosa con l’aria di chi non mangia dall’estate scorsa e chiede implorante “possiamo ancora mangiare?”.

Ma vi sembra forse un ristorante, questo?

Ehm, okay, risposta sbagliata.

Ma certo, accomodatevi pure pezzi di… Pane. Gradite del pane? Prego, da questa parte e mi raccomando vedete di cenare in fretta e furia che ho anche io una vita, più o meno… Ehm, signori, gradite un caffè, un dolce, un sorbetto? Maledetti infami, che stanno in ferie e non hanno un cazzo da fare e vengono a cena all’ultimo momento… È stato un piacere, signori. Buona serata, a mai pi… Ehm, arrivederci, signori.

A proposito, voi avete caldo?

 

Annunci

500 volte… Sti gran cà!

Ultimamente coi titoli sono un po’ puerile, lo ammetto, temo sia colpa del caldo che mi dà alla testa.

Inoltre non ho mai niente da dire, ogni tanto scrivo qualcosa, lo rileggo e mi dico “oddio, ma tutto sto piagni piagni, sto lamentarsi continuo, sono io, sì? Davvero?” Così mi cancello, mi autocensuro perché il mio stesso post mi dà noia e finisce con il provocarmi l’orticaria.

Che dire? Siamo arrivati a 500 “followers”, che su WordPress significa che la schiera si fa sempre più nutrita ma a leggerti sono al massimo una ventina. Il ché mi sta benissimo, dato che non si vince niente.

Ricordo che a convincermi ad aprire questo blog fu il mio ex ragazzo. Stavamo in Sicilia a fare letteralmente schifo: 24 ore di mare, macallé zeppi di crema, panini imbottiti schiacciati dalle bibite dentro la borsa frigo, ombrelloni abusivi, acqua cristallina e scogliere ripide. Beh, era una figata.

Così cominciai a riempire il blog con brevi squarci di Sicilia, pensando che sarebbe stato così per sempre, che ci sarei tornata ogni estate e avrei riportato i resoconti pallosi delle vacanze, rimpinzando il blog di cibo e di mare. Invece quella fu l’ultima estate, laggiù.

E ho provato la stessa sensazione ieri, al lavoro. C’era un gruppo di ragazze a suonare rock, stavano nel cortiletto fuori dal ristorante, finito il servizio io e i miei colleghi ci siamo fermati a bere una birra anche se il gruppo aveva già finito di suonare da un pezzo, erano le due del mattino. In quel momento ho pensato che sarebbe stato così per sempre, che forse mi andava pure bene, era la birra a pensare al mio posto, anche se era poca in fin dei conti. Ma lì per lì mi dicevo che tutto stava andando bene, che la stagione non era poi la fine del mondo e che sarebbe sempre stato così.

Questa mattina mi sono alzata nauseata, tutto lo spirito positivo di ieri se n’era andato a puttane, i miei pensieri erano di nuovo pesanti e quelli di ieri ridicoli.

Sono andata al lavoro, il titolare assegnava i turni, io dentro di me sbuffavo, fuori sudavo e annuivo.

Tuttavia potrebbe andare peggio di così, che non è una di quelle cose che mi auguro, s’intende.

Fare qualcosa mi tiene viva, nulla è eccitante, nulla è nuovo, ma potrei pensare che prima o poi qualcosa cambierà.

E quindi 500 followers di cui non conosco né nome, né faccia… Beh, grazie, eh?! : )

“Capita che mi sveglio all’alba

quando l’aria è fresca

pensando alle mie illusioni

di un’estate ormai persa…”

Una fetta di culo

61108026

Signore alla cassa:

“Non sono per niente contento, sa? Noi veniamo sempre a mangiare qui, ma questa sera non sono per niente contento”.

Ah, ma davvero? Non è per niente contento? Lo sa che anche per me è domenica sera, grandissima testa di cazzo che non è altro? Solo che a differenza sua è tutto il giorno che sono in piedi per servire e riverire le teste di cazzo come lei? Non è contento? Sa quanto sono contenta io, invece? Che mi devo sorbire la stagione pagata a nero quando ero convinta che avrei finalmente avuto un lavoro vero, senza bambini urlanti che corrono per la sala mentre tu sei lì col vassoio e le bevande traballanti e questi bambini cagacazzi ti fermano perché vogliono chiacchierare con te?

Mi fingo dispiaciuta, assumo un’espressione contrita, quasi costernata, lo guardo e gli dico: mi dispiace signore, che cosa è successo?

“Eh, ho chiesto il conto e nessuno me l’ha mai portato! E adesso, e adesso mi dica quanto devo pagare”.

Coglione.

“Ah e un’altra cosa. A me è stato portato il pane! Mentre i vicini di tavolo avevano i grissini! Anche io volevo i grissini!”

Oh mamma mia! Che ingiustizia! Che affronto! Che malignità! Come farà a dormire sonni tranquilli dopo un simile sopruso?

(Chiedere a una cameriera/cameriere di farsi portare due grissini merdosi era troppo, ma troppo impegnativo).

Caro signor, oltre al pane, alla cena, alle bevande, ai nostri sorrisi non certamente scontati, alla nostra gentilezza, cosa voleva? Anche una fetta del mio culo? 

Invece…

“Signore, sono tot euro e cinquanta. Posso offrirle un limoncello?”.

Posso anche sputarci dentro, se lo desidera.

“Ah, quello lo accetto volentieri, sì”.

Ma non l’avrei mai e poi mai detto! Invece sa dove può mettersi i famosi grissini del vicino?

“Ecco qua signore, buona serata e grazie”. Sorrido gentile, augurandogli le 10 piaghe d’Egitto.

E un vaffanculo, di cuore.

Una signora mi guarda e con gentilezza e un certo tatto mi dice “coraggio, cara, manca poco alla fine dell’estate”.

Avrei potuto abbracciarla singhiozzando senza ritegno.

 

 

.

Non sono mai stata una fan sfegatata dei Linkin Park, ma li ho sempre ascoltati volentieri quando li passavano alla radio.

Ogni tanto ascoltavo qualche brano su YouTube.

Non sono una fan, dicevo. Ma qualche canzone mi è entrata sottopelle. Forse le più commerciali o che lo sono diventate nel tempo.

Oggi leggo della morte del cantante Chester Bennington. Suicida.

Mi è presa una tristezza incredibile, certo non lo conoscevo, non lo veneravo, come non venero nessun artista, ma mi dispiace.

Mi dispiace leggere soprattutto di chi lo giudica, perché era un drogato, perché era un padre.

Ma la depressione è un mostro che ti mangia dentro, chi ne soffre talvolta è un insospettabile.

Puoi avere soldi. Puoi avere affetti. Puoi avere tutto o puoi non avere un cazzo di niente.

Ma se non hai pace, se dentro ti consumi, se ingoi ogni giorno il dolore, se arrivi al limite della sopportazione puoi avere tutto, ma alzarsi è faticoso, le gambe si fanno pesanti. Puoi avere tutto, ma dentro c’è un demone con cui fare a pugni, che alla fine ti schiaccia, ti fa ammattire.

Leggere lo schifo della gente che lo giudica mi disgusta.

E provo sempre tristezza per chi arriva al limite. Non penso sia da vigliacchi, andarsene. Penso che per vivere ci voglia un gran coraggio, certo. Ma anche per morire.

Allora che dire? Solo ripetere che dispiace, perché non immagino la sofferenza e il peso che tutti si portano dentro, nascosto bene, al riparo dagli occhi degli altri.

I tried so hard
And got so far
But in the end
It doesn’t even matter
I had to fall
To lose it all
But in the end
It doesn’t even matter.

Riposa in pace.

Harry Potter tag! (Perdonatemi)

hpglasses

Lo so, lo so.

È demodé, non ha alcun senso parlarne oggi, rivangare il passato, sguazzare nella nostalgia… Ma!

Ma, ma, ma!

Mi sono imbattuta in un video di una “youtuber” che ha risposto a delle domande su Harry Potter (normalmente recensisce libri) e ho voluto copiarla spudoratamente.

Lo so. Ho una certa età per queste cose, ma Harry Potter è un libro per tutti, belli e brutti, soprattutto brutti. E non ho resistito.

Dunque, il giochino consiste nel rispondere a una serie di domande su questa intramontabile saga fantasy, giusto per farvi due palle così! Evviva!

Iniziamo:

1. Quando e come hai conosciuto Harry e il suo mondo? 

Allora. Una mia compagna di classe delle medie mi regalò “Harry Potter e la pietra filosofale” e io ringraziandola con un sorrisetto forzato lo lasciai prendere polvere nella libreria per qualche anno. Ricordo che me lo chiesero in prestito e io senza tante cerimonie lo sbolognai (non mi venne mai restituito). Poi mi regalarono “Harry Potter e il prigioniero di Azkaban”: fu amore.

2. In che ordine hai letto i libri? 3, 4, 5, 2, 1, 6, 7 (circa meno quasi).

3. Qual è il tuo libro preferito? Quello che non ti è piaciuto? Harry Potter e l’Ordine della Fenice (il quinto). Il primo forse è quello che mi è piaciuto di meno, l’ho trovato infantile, in un certo senso.

4. Qual è il tuo personaggio MASCHILE preferito? Severus Piton. Mi piacciono (in letteratura e nei film) i personaggi ambigui, che oscillano fra bene e male. Piton è un personaggio sgradevole, con una personalità assai contorta. Tuttavia la sua storia è quella che ho trovato più intrigante.

5. Qual è il tuo personaggio FEMMINILE preferito? Hermione Granger: dentona, brava a scuola e sfigata. Impossibile non provare empatia. A parte vaghe somiglianze con voi sapete chi, cioè con me, Hermione è una dura. Non tradisce i suoi valori, è una lottatrice, ha buoni sentimenti. La AMO.

6. Dà un voto al tuo libro preferito dall’1 al 10 e spiega il perché. Al quinto libro do 10 perché è il più corposo in tutti i sensi. I personaggi e le loro storie vengono approfonditi. Le atmosfere si fanno decisamente più cupe. Si svelano dettagli sui genitori di Harry e su Piton.

7. La migliore trasposizione cinematografica e la peggiore? Le migliori direi le prime due, forse perché ho visto prima i film e dopo ho letto i libri. Tutte le altre fanno letteralmente schifo.

8. Qual è secondo te l’ambientazione migliore? E la peggiore? La Sala grande è la migliore. E anche l’antica casa dei Black. La peggiore? Nessuna.

9. Qual è il tuo Weasley preferito? Quello che non puoi neanche sentire nominare? Fred è il mio preferito, perché ha un umorismo fantastico. Percy è il più noioso, ma è interessante a modo suo.

10. Qual è la tua Creatura Fantastica preferita? Gli elfi domestici. E il gatto di Hermione: Grattastinchi.

11. Qual è il tuo Mangiamorte preferito? Bellatrix Lestrange. L’adoro per quanto è perfida. E apprezzo il fatto che sia sempre stata fedele a Voldemort, a differenza di altri. Oh, non sopporto i vigliacchi manco tra i cattivi.

12. Se fossi ad Hogwarts, quale sarebbe il tuo passatempo magico preferito? Osservare e studiare le creature magiche. Assistere a una lezione di Pozioni.

13. Quale tra i Big 7 è il tuo preferito? Ron Weasley. Ron è ironico, sarcastico e un tantino cattivello. Credo sia il personaggio più “umano” di tutti, perché sbaglia spesso, perché è invidioso, perché vuole ma non può. Dopo Piton è sicuramente il personaggio che ho apprezzato di più.

14. Qual è il tuo Professore di Hogwarts preferito? La McGranitt. Severa, ma giusta. E Lupin, perché valorizzava tutti gli studenti.

15. Qual è il tuo incantesimo magico preferito? Oblivion. Quello per far perdere la memoria!

16. Hai qualche libro su Harry Potter NON scritto dalla Rowling? Se si, quale? Nope. Ho un libro sulla Rowling, non scritto dalla Rowling: La maga dietro Harry Potter.

17. Hai mai partecipato a un raduno Potteriano? Dove? Assolutamente no. La sola idea mi crea profonda angoscia e disagio e una sottile punta di disgusto.

18. Hai qualche gadget potteriano? Cosa? Bastano e avanzano i libri, tutto il resto è noia.

19. Qual è la tua citazione preferita? “È inutile rifugiarsi nei sogni e dimenticarsi di vivere”. (Citazione pronunciata da Silente).

20. Chi avresti voluto che non morisse? Chi avresti lasciato che morisse? Fred Weasley. Se ci penso, soffro. E anche Lupin avrei salvato, dato che mi piaceva molto. Chi avrei lasciato morire? Boh, forse Sirius, perché alla fine faceva una vita terrificante dato che era rinchiuso in casa contro il suo volere.

21. Ti aspettavi un finale diverso? Se si, come lo avevi immaginato? Pensavo morisse Harry, sono sincera. Capisco che ci sarebbe stata una rivolta popolare, ma l’avrei trovata una scelta coraggiosa. Inoltre non ci sarebbe stato quell’inutile ultimo capitolo, né l’ottavo libro.

22. Qual è la tua materia preferita? Quella che non studieresti volentieri? Allora non avrei voluto studiare nessuna materia, in particolare Divinazione e Artimanzia (o na roba simile). Mi piaceva molto leggere le lezioni di Pozioni.

23. Cosa sceglieresti tra un gufo/ un gatto/ un rospo? Nessuno dei tre.

24. In che casa vorresti essere smistato? In quale ti rifiuteresti di andare? Corvonero. Non sarei voluta finire a Tassorosso!

25. Sei iscritto a Pottermore? Ti piace il sito? Non so se da ragazzina fossi iscritta a qualche diavoleria, francamente.

26. Cosa pensi di quelli che dicono “Harry Potter è solo un libro!” Che è vero. È solo un libro.

27. Hai letto anche gli altri libri di Harry? (Animali fantastici dove trovarli/ Il Quidditch attraverso i secoli/ Le fiabe di Beda il Bardo). Ho letto Harry Potter e la maledizione dell’erede. Un libro davvero evitabile.

28. Qual è il tuo Dono della Morte preferito? Il mantello dell’invisibilità, of course.

29. Qual è la tua coppia preferita della saga? Quella che non approvi? Sono banale! Mi piacciono Ron e Hermione. Non ho approvato Cho e Harry, perché lei era noioserrima e aveva delle amiche di merda.

30. Se potessi parlare con zia Jo, cosa le diresti? Good job!

L’idea l’ho trovata qui.

La youtuber è Ilenia Zodiaco: https://www.youtube.com/watch?v=KYN27ApTkvU.

Mi perdonerete per questo tag fuori moda e fuori tempo?

Non lo direte a nessuno, vero?

(Se qualcuno sotto i 13 anni mi legge: anche io ho 13 anni, giuro).

 

 

Ritratto

ArtX0009

Ragazza alla finestra – Dalì.

Stai seduta sulle poltroncine nuove e bianche, piazzate nel cortiletto sporco, foglie, insetti e l’odore della laguna che sale e impregna ogni cosa. Il tuo volto quando stavi bene era un sole tondo e raggiante, i riccioli che da bambina erano biondissimi sono diventati più scuri, ora tendono al grigio. I peli biondi che si scorgono solo quando i raggi illuminano. Fumi una sigaretta e poi un’altra, il posacenere traboccante, la muffa alle pareti esterne.

Indossi un vestito comprato al mercato, una stampa floreale che si allarga nei punti dove le tue forme si fanno più generose.  Sorseggi caffè scuro servito nel bicchierino di vetro: un goccio di latte freddo che lo macchia.

Ieri ti ho guardata e mi si è stretto il cuore. Ho guardato il tuo volto sempre più scavato, la malattia che trascina via sorrisi e speranze. L’energia che viene a meno, tremavo, sai?

Ma sorridevo, parlavo, scacciavo i brutti pensieri, cercavo di soffiare via anche i tuoi.

Stavamo sedute io e mia madre, tu e tua figlia. Abbiamo cercato di alleggerire, a rinfrescare la serata ci aveva già pensato un timido temporale.

Le zanzare mi mordevano la pelle mai sazie, ma rimanevo lì a osservare quel piccolo mondo crudele, che prima era un tempio di bei momenti, che tra qualche mese saranno solo ricordi.

Ho camminato con tua figlia, mia cugina. Lei mi ha chiesto “come la vedi mia madre, sinceramente?”.

Ho mentito.

Ho detto che ti ho solo vista stanca, lo sai zia, io non ti ho vista solo stanca.

Più volte ho ingoiato l’amarezza, quel bolo di negatività che saliva su.

Io ti ho vista stremata, ho visto la fatica nel parlare. Quella fatica che prima non c’era.

Io ho mentito, ma non solo per mia cugina. Ho mentito soprattutto per me.

Perché ero spaventata.

Abbiamo camminato lungo le strade, c’era la festa della musica ieri. Ma io non ho ascoltato neppure una nota.

Ho camminato con mia cugina in silenzio. Un silenzio, un tacito accordo. Un silenzio denso che mi ha messo i brividi.

Mentirei all’infinito, zia.

Poi sono salita in auto, finalmente ho smesso di sorridere.

Mia madre ha stretto la mia gamba con la mano e lì sono crollata.

Ho finalmente pianto davanti a lei, ho condiviso il dolore e la paura con lei. Lei che è tua sorella maggiore e ti ha fatto da madre, quasi.

Ero arrabbiata e lo sarò sempre. Provo rabbia, ne provo così troppa che non so più dove metterla.

La stretta di mia madre mi ha rassicurata per un momento, volevo che stringesse per sempre, vorrei stringerti e non lasciarti andare via.

Sono tornata a casa ricomponendo il volto, ma volevo spaccare tutto e gridare forte.

Ho fermato l’immagine di te, qualche tempo fa, seduta nello stesso posto ma con un sorriso pieno e sincero.

Noi attorno a te, raccontare aneddoti di vita, perché davanti ce n’è ancora tanta.

Io vedo solo quel viso sorridente, non voglio vedere nient’altro.

Cheesecake all’olio di palma

Ebbene, il bisogno impellente di buttare giù deliri e piagnistei alla fine ha prevalso o meglio: dopo tot “giorni no” ne è arrivato uno mezzo sì. E quindi che fare se non fiondarmi a raffica qui deliziando voi blogger con la mia pres… No, scherzo. Sono venuta a deliziarvi con una fantastica tortazza estiva.

Una torta che uccide. Il caldo. Le zanzare. La dieta. Talmente piena di male che uccide pure gli inestetismi.

Al lavoro tutti non fanno altro che parlare di torte. Me compresa. Ormai è un’ossessione: vedo torte ovunque. Solo che dovevo uscire dalla mia comfort zone della torta al cioccolato (quella che per inciso prepara una bambina di 10 anni) e mi sono buttata sul dolce estivo più gettonato di sempre: la cheesecake!

Per prepararla vi servirà non solo olio di gomito, ma soprattutto olio di palma.

Che a dirvela tutta sta diventando introvabile.

Ora bisogna richiederlo esplicitamente, altrimenti tutti fanno finta di non conoscerlo.

Già.

Questa torta farà crescere i vostri pargoletti forti e sani.

In fin dei conti voi come siete diventati mangiando merendine e Nutella?

Sani come pesci.

Quindi…

L’olio di palma fa super benissimo. Guardate le generazioni di oggi che si ritrovano tutto senza olio di palma. Perfino l’olio extravergine porta la dicitura “senza olio di palma”. Coda di paglia eh, olio extravergine?

Le generazioni di oggi mangiano tutto senza olio di palma e infatti ne hanno sempre una. Il raffreddore, il mal di gambe, i brufoli… Eh, appunto.

Che cosa vi servirà per preparare questa fantasmagorica arma letale?

Nutella, of course.

Simpatia.

E queste cose qui, robine leggere leggere:

IMG_1648

Io le gocce di cioccolato alla fine non le ho utilizzate, ma se le avessi tolte dalla foto si sarebbero offese a morte.

La ricetta originale la trovate qui: http://ricette.giallozafferano.it/Cheesecake-alla-Nutella.html

Se avete dubbi, incertezze, domande a riguardo… Beh, affari vostri.

Ah, quasi dimenticavo:

WP_20170706_20_38_21_Pro

WP_20170706_20_41_54_Pro

Scattate con Lumia Selfie

Questa sono io: la cuoca. Anche se in realtà si trattava di una ricetta senza cottura! Ho incluso occhiaie e capelli schifosi nella foto perché non avevo un altro barattolo di Nutella.

Pausa blog

Ciao amici.

Metto il blog in pausa per un po’.

Non riesco a cavare niente di buono da questo periodo merdoso e non mi va di intasare il blog con piagnistei: mi annoia la sola idea.

Magari sarà una pausa brevissima perché domani mi verrà l’ispirazione o chessò io, ma al momento vedo tutto nero.

Non sarò presente neppure nei vostri blog, mi riprometto di recuperare i vostri articoli quando sarò più in vena di farlo.

Vi lascio questa chicca per l’estate, dato che le frantumano tutti con la prova costume:

10488204_824003897666772_4271856681655063826_n

Foto da qui

A presto!

V.

 

Lista

tumblr_static_tumblr_static_6d36wsqtzxoowocg8gwkwgs4o_640

Foto da qui

Dato il tono lugubre e il contenuto a dir poco sconfortante dell’ultimo post ho deciso di scriverne uno “positivo”, prendendo in parola i vostri commenti dove si discorreva di godere delle piccole cose e così via.

Mi preme (sperando di non fare cosa sgradita) citare due post che mi hanno ispirata: Battito di Mela Sbacata e Gratitudine di Polvere di Stelle.

Faccio questa lista principalmente perché non mi va che come primo/ultimo post ci sia quello precedente, non lo so, non mi va e basta.

A dirvela tutta sarà un post sottotono rispetto ad altri, ma le cose che seguono mi hanno davvero risollevato l’umore.

Lista:

  • Birretta e patatine post lavoro.
  • Ho ballato reggae a una sagra assieme a una mia cara amica, anche se ovviamente io non so ballare.
  • Il gruppo che suonava (cover) reggae ha suonato una canzone di Caparezza e un brano hip hop che adoro: Jump Around.
  • Ho visto mia cugina ballare al suo saggio.
  • Ho riso assieme a mio cugino.
  • Ho visto un campo di girasoli.
  • Un’altra mia cugina (dico altra non per meno importanza, ma per distinguerle) ha fatto bella figura al lavoro. (Dove lavoro io, s’intende).
  • Ho donato plasma, così mio padre è contento.
  • Ho comprato una canottiera con dei fiori disegnati sopra.
  • Ho cantato a squarciagola: canto meglio di come ballo.
  • Ho riso fino alle lacrime.
  • Ho visto un bel ragazzo con un sorriso gentile e lui ha visto me.
  • Ho già iniziato a leggere un nuovo libro: “Parigi è sempre una buona idea”. In realtà non è un libro pazzesco, ma c’è di peggio.

Ascoltando:

Life is a waterfall…

swimming through the void

we hear the word

we lose ourselves but we find it all…

When you free your eyes: eternal prize.

Vaffanculo sabato

Ho le ovaie in giostra, ho il ciclo, la lacrima facile, sono incazzata, mi sento sola, vorrei ammazzare qualcuno, vorrei abbracciare qualcun altro, vorrei chiudermi in camera e rileggermi per intero tutta la saga di Harry Potter, piccola nota: il primo libro l’ho prestato e quindi giù madonne, stasera lavoro, domani ci sono scolaresche al ristorante e già mi viene male, non ho ancora fatto il primo bagno, ieri volevo bermi una birra e non ci sono riuscita, odio mangiare l’insalata, ieri mi è riuscita una golosa torta al cioccolato: ero felice, la torta l’ho fatta seguendo una ricetta di una bambina di 10 anni, vorrei sedermi ed essere servita e riverita ed essere gentile con i camerieri e sorseggiare un calice di vino bianco ghiacciato in una località balneare, vorrei un panino con la cotoletta, voglio una camicia nuova, vorrei gridare, sono stufa della gente che racconta i suoi problemi, mi sembrano problemi del cazzo, sono stufa di non riuscire a sfogarmi con chi conosco, vorrei leggerezza, vorrei che la mano non mi tremasse quando sono tesa e sto tenendo in bilico dei piatti (due per la precisione, più di due non ne porto: per mano), vorrei essere meno aggressiva, da quando lavoro odio i fine settimana, vorrei andare al centro commerciale, voglio un nuovo telefono, vorrei andarmene in viaggio, ma non so dove, va bene qualsiasi posto che non ho mai visto, voglio dire che anche io soffro, che sto male, voglio che Caparezza suoni anche in Friuli, voglio, voglio, voglio. Vorrei essere meno egoista, vorrei sentire meno, voglio che mia zia stia meglio e presto. Voglio ubriacarmi senza stare male il giorno dopo, voglio qualcuno con cui andare a mangiare cibo etnico, voglio spendere soldi in cose frivole, voglio finire di leggere Opinioni di un Clown, voglio vergognarmi di meno e agire di più, voglio avere di più, essere di più. Cosa voglio?

Oggi mi accontenterei di questo:

19023297_219939725180140_1796590778965322458_o

Buon sabato del cazzo.