Palle natalizie

Il periodo pieno di gioia e dolciumi è ormai terminato, i pacchetti sotto l’albero di Natale (nel nostro caso colonna natalizia) sono stati donati a tutti, la gente fissata col Natale (ehm, ehm) ha forse smesso di scartavetrarvele e i cagacazzi che danno degli ipocriti a chi festeggia il Natale hanno smesso di lamentarsi…

Ecco, apro una breve parentesi.

In molti odiano/odiamo alcune feste comandate.

1bb3b1d5-cd0a-4a14-825d-347a29e23d3d

Da qui

Io ad esempio non sopporto Pasquetta (quest’anno per fortuna lavoro), non festeggio il Carnevale perché odio l’odore dei vestiti che la gente tira fuori dall’armadio, un fetore mortale di naftalina, stantio e polverume, in generale non ho mai avuto la passione di travestirmi né di truccarmi. Non mi piace il Ferragosto e grazie al cielo ho quasi sempre lavorato anche in quel giorno. Come ho ribadito negli ultimi post odio il Capodanno e okay, in quel caso mi è sempre toccato festeggiarlo ma non ho mai piantato musi lunghi, al massimo ho maledetto le genitrici di quei bambini rognosi che fanno scoppiare i petardi spaventandomi a morte, questo sì.

Gente, lamentarsi è lecito, ma tacciare di ipocrisia chi durante le feste se la gode è un po’ da sfigati. Tirate fuori le palle (natalizie) e dite di no, che quest’anno vi rintanate in una grotta, che scappate alle Maldive (ma in realtà siete chiusi nello stanzino), insomma siate creativi e coraggiosi. Io quest’anno ho detto NO al Capodanno, ma non è che sto lì a punzecchiare chi invece ha meno complessi di me, è più sereno, ha voglia di vivere,… Insomma, daje.

Chiusa parentesi.

Ieri c’è stata una cena natalizia con alcune vecchie glorie del liceo: davvero piacevole.

Vi dirò, a me il liceo ha fatto schifo per una serie di cose, tipo il fatto che pareva di stare in collegio. Ma ritrovarsi con alcune compagne è divertente, si spettegola molto, si parla male di chi non è presente (e questo è uno dei motivi per cui è consigliabile esserci) e di chi non si vede da anni, si ride fin le lacrime, ci si lamenta dei professori nonostante non si metta piede a scuola da… Da, non voglio fare il conto che è meglio.

Insomma, una serata all’insegna della cattiveria pura ma anche del buon cibo e del buon vino e onestamente ogni tanto concedersi della “sana” leggerezza fa solo che ben.

Ci siamo ritrovate a Udine, cittadina dove ho passato gli anni delle superiori e devo dire che è sempre graziosa anche se alcuni cittadini udinesi sono convinti di vivere in una metropoli per quanto se la tirano, ma fa nulla. Ci ho ormai fatto il callo, perché la stessa cosa accade in certi paesini della bassa (friulana) dove bastano quattro negozi costosi per far credere agli abitanti di trovarsi a Milano.

Dove vivo io invece c’è solo un Discount e questo ci fa sentire dei pezzenti miserabili, il ché vi dirò è alquanto formativo.

In tutto questo è arrivato il mio pazzesco auto – regalo da Babbo Amazon! Due manuali di diritto per la mia tesi di laurea, ma che gioia… Li aspettavo proprio con ansia, non ho più scuse per evitare di concentrarmi sulla tesi, ahimè.

Il 2016 sta per terminare, un nuovo anno di merda sta per iniziare… Ma che bello, cin cin!

Mood super natalizio 3

Oggi ho letto moltissimi (vostri) post natalizi… E questo ovviamente rientra nel mio fastidioso (e ultimo) mood natalizio.

Ieri ho “festeggiato” l’anti vigilia coi miei, in una trattoria con cucina casalinga che io amo alla follia. La signora che si occupa della sala decora sempre il posto a seconda del periodo dell’anno, quindi era tutta addobbata per Natale, ogni angolo recava qualcosa di natalizio… Da sbrodolare proprio, per chi come me è fissata con questo genere di pacchianate natalizie.

15658650_1323890174335077_600667013_o

Oggi abbiamo preparato qualche antipasto per domani, infatti ci sarà il mega pranzo a casa mia. Quest’anno c’è pure il Trivial Pursuit nuovo, visto che l’edizione che abbiamo noi è tipo vecchissima, con domande (quasi) impossibili. Io ho una passione per i quiz e per Taboo, mentre detesto giochi come la Tombola che trovo noiosissima.

Ho finalmente detto alla mia amica che non andrò alla festa di Capodanno. Mi sento in colpa, ma anche più leggera, quest’anno non festeggerò né la fine, né l’inizio di un nuovo fottutissimo anno, ah che gioia.

Bene, vi faccio tanti auguri, vi auguro di trovare il giusto (ma brutto) outfit natalizio… Io non l’ho trovato o meglio: l’avevo trovato, ma non potevo spendere altri soldi e quindi ci ho rinunciato (quasi piangendo tra me e me).

E va beh, passatemi l’ultima sbobba natalizia di quest’anno. Il peggio del peggio, temo:

img_1026-2-fileminimizer

img_1032-fileminimizer

Baci, baci!

Mood (quasi) natalizio 2

Sapevo che non avrei resistito alla tentazione di scrivere un secondo temino semi – natalizio.

Oggi brillante idea: mercatini di Natale a  Grado.

img_0929-fileminimizer

Dico la verità, a me i mercatini natalizi non sono mai piaciuti un granché, nel senso che gira e rigira son sempre le stesse bancherelle. Solo che sto cercando qualche decorazione per la tavola del 25 dicembre e quindi mi sono detta ma sì, famo sta follia. Arrivati a Grado (graziosa citttadina di porto in provincia di Gorizia) ci siamo trovati effettivamente calati in una semi – atmosfera natalizia… Qualche presepe, due decorazioni, gli alberi di Natale. Il problema è che dei mercatini neppure l’ombra. E sapete perché? Perché ci saranno dal 20 dicembre al 6 gennaio, pff.

E insomma mi sono consolata mangiando una frittella e gustandomi una densissima cioccolata calda al bar.

In realtà io non impazzisco per l’accoppiata mare e Natale, nel senso che per me le città di mare possono addobbarsi quanto vogliono, ma non saranno mai natalizie (al 100%).

Comunque, tornata a casa ho iniziato a fare le prove generali per gli antipasti di Natale. Va detto che io non cucino (quasi) mai e che ovviamente non so cucinare, salvo robe essenziali. Ma quest’anno ho detto: voglio fare qualche antipasto per avvelenare i parenti che oseranno chiedermi come procede la tesi e dove ho nascosto il fidanzatino.

img_0939-fileminimizer

Così ho stalkerato la bravissima Ricette da coinquiline per cercare qualche antipasto facile e veloce da sperimentare. Infatti si sarà chiesta chi continuava a cliccare la stessa ricetta, ma non ho avuto tempo di stare al pc in questi giorni e di stamparla, di conseguenza al supermercato aprivo la sua ricetta perché non ricordavo gli ingredienti. Questa è la ricetta che ho provato a fare (Bacchette magiche al formaggio). La prossima credo sarà quella dei muffin salati.

Le mie povere bacchette sono venute davvero buone, il problema è che sono terrificanti alla vista perché non le ho chiuse bene. (Per capirci, leggetevi la ricetta originale). Ho indossato anche i guanti da chirurgo e ho utilizzato il frullatore, per sporcare il meno possibile la cucina e le mie manine preziose.

Mood natalizio

Finalmente è arrivata la giornata dello shopping natalizio che purtroppo è anche già finita (male).

E sapete perché è finita male???

Perché nessun maglione natalizio mi ha soddisfatta e quindi al mega pranzo di Natal non sfoggerò un maglione a tema, la tradizione è già finita… Durata solo un anno, maledizione. Non potete capire quanto io stia soffrendo per questa cosa.

866582

Ma comunque. Il centro commerciale era un’americanata pazzesca e io l’ho adorato. Dal bruttissimo albero decorato coi peluches, al coro gospel registrato e sparato a tutto volume, alle lucine, alle vetrine… Aaaahh
wp_20161220_18_30_53_pro-2Lo so. Sono veramente una persona imbarazzante, sono andata a comprare i regali sfoggiando il mio maglione rennoso che mi ha portato sfiga tutto l’anno ma io non voglio fare la superstiziosa… Oltretutto un altro maglione rennoso e così natalizio non lo troverò mai, perciò basta, tradizione finita.

Comunque, avendo mia madre a casa in malattia ho mangiato molti dolci, perché lei cucina bene e ha preparato paste sfoglie di Nutella a forma di albero, biscottini di frolla (che so fare pure io) e così via… Tutto terribilmente natalizio. Ovviamente lei mi fulminava con lo sguardo ogni volta che cinguettavo qualcosa tipo “natale” o “ma com’è natalizio”. In casa c’è pure il tè rosso, quello che mi è stato regalato assieme ad altri tipi di tè. Insomma, che lusso! Che sfarzo!15388766_1310502765673818_1268591607_o

Abbiamo comprato tutti i regali per la sacra famiglia (e sono veramente tanti). Ogni anno scegliamo un tema (tazze, fermaporte, maglie, pigiami, coperte e così via) per le varie categorie… I ragazzini, gli adulti, i neonati, le zie, le coppie, i cugini della mia età e così via.

Comunque, il mio mood natalizio finisce il 26 dicembre, quest’anno probabilmente finirà proprio il 25, perché il 26 quasi sicuramente lavoro, perciò grasse risate proprio.

Oltretutto c’è  Capodanno che come ogni santissimo anno guasta tutte le feste e soprattutto il mio umore: ovunque mi mettiate io a Capodanno mi annoio. Non lo so, questa cosa del Capodanno mi tormenta dalla nascita, è una vera e propria piaga sociale.

Okay, il mio temino natalizio delle elementari è terminato, non prometto che sarà l’ultimo perché manca ancora un po’ a Natale… Se ci sarà qualche follower in meno lo capirò, però non vi farò nessun regalo, sappiatelo!

Neve e estate, ricordi

tumblr_mp34akhesm1qzkp97o1_500

(Foto da qui)

Ricordo lo strato di neve, compatta, avere paura di calpestarla, impronta volgare di vecchi scarponi di seconda mano. Ricordo le tute da sci, sebbene abitassimo in campagna. Era la vigilia di Natale e c’eravamo proprio tutti, oggi qualche posto rimane vuoto, il tuo lo è ormai da tempo, rimane intatto il ricordo della neve fitta che cade, i nasi appiccicati alle finestre, l’alito caldo sui vetri, disegnare sogni con le mani, cancellare, rifare. Le nostre madri ci coprivano, sciarpe di lana calde fatte a mano, guanti che si inzuppavano con la neve e mentre tutti si riscaldavano nelle case, luci accese che feriscono chi è più solo, noi stavamo fuori, nella notte, si giocava nella neve, in quel quartiere che ricordo immenso e senza fine, ora è una piccola realtà e la neve ha smesso di cadere.

Ricordo quando il caldo non era una scusa per stare fermi, si pedalava veloce, le giornate esplodevano per il calore, i gomiti sbucciati, le ginocchia striate di rosso vivo, i capelli appiccicati alla fronte. La piscina con il ghiaccio e le bibite a rinfrescarsi, le panche di legno, la tavola con la frittura croccante, mia nonna e la sua friggitrice, patate sottili e grumi di sale sul fondo della terrina, le canzonette estive. La torta del panificio, con quella frolla un po’ insapore, le birre nelle bottiglie per i grandi. E chi aveva fretta di diventare adulto e perdersi quella magia? La notte che calava gentile, lasciando brividi di sollievo sulle pelli abbronzate, ma tanto si correva ancora, si correva sempre.

L’albero decorato e mio nonno che si vestiva da Babbo Natale, è così facile ingannare i bambini, è così facile essere piccoli. Eravamo in tanti, a ciascuno diversi regali, dentro al sacco nero gigante, quel Babbo Natale dall’aria così famigliare consegnava i presenti, sapeva tutti i nostri nomi, l’emozione quando arrivava il proprio turno, un grazie sussurrato piano e poi lontano a scartare il pacchetto.

L’odore degli spray anti zanzare, l’erba umida sotto ai piedi, l’altalena nel mezzo del giardino, quel verde smeraldo e scuro della notte. Un bacio frettoloso sulle guance, un buon compleanno biascicato velocemente e poi via a giocare, ogni minuto prezioso, ogni minuto era vita intensa. Ricordo i cani di mia nonna, i suoi gatti spelacchiati, ogni giorno animali nuovi.

Ricordo mia nonna, il volto cupo e la smorfia, il taglio sempre corto, quella cucina che odorava di fumo. Il latte a bollire, quella patina bianca che mi faceva rivoltare lo stomaco. Ricordo mia nonna, quella parigina finita nell’ostile campagna del Friuli, ricordo quel volto scuro e insoddisfatto. Ricordo l’amore con cui curava il suo gatto malato.

Ricordo di non averti voluto molto bene, ma ogni tanto ti penso, se tu avessi resistito oggi saresti stata così soddisfatta della tua famiglia, anticonvenzionale come lo eri tu, sboccata come lo eri tu e anche molto fiera.

Siamo cresciuti bene, siamo belli, non lo so se siamo tristi, c’è sempre un velo di malinconia in tutti noi, quando mi guardo attorno.

Ti ricordo nonna, raramente, senza amore, ma ti ricordo. Eri ostile e fredda, dura come la tua erre francese e i tuoi modi poco ortodossi, eppure oggi saresti soddisfatta dei nostri volti cresciuti.

Oggi sei solo un pretesto per scrivere del passato, ti ricordo, una bestia solitaria che però ci accoglieva come una madre, forse hai asciugato molte lacrime.

Hai deciso di farla finita anni fa, perché nessuno ha asciugato le tue, di lacrime?

Credo tu abbia sbagliato, perché se tu avessi resistito a questa vita oggi saresti soddisfatta di vederci ancora insieme. Ogni tanto ti ricordo, rivedo i ciliegi maestosi nel tuo orto, mi rivedo bambina nel tuo cortile. Ogni tanto ricordo e sorrido, un poco.

 

Ottobre sta finendo e un mese di merda se ne va

tumblr_inline_nzgyqvdxmd1tgpzk4_500

 

La sentite quest’aria frizzatina, il naso che si arrossa e cola (bleah), la sciarpa di lana che pizzica, la cuffia di lana che vi strizza le tempie?

Si sta avvicinando Novembre!!!

Il mio mese preferito. Anche se l’ho deciso in questo momento che è il mio mese preferito. Perché riflettendoci il periodo più bello dell’anno per me è quello che precede e comprende il Natale. Ci ficco anche il 26 dicembre perché in quel giorno è tradizione andare al cinema, guardare un film brutto (NON CINEPANETTONI, sia ben chiaro che quei dementi non meritano manco un centesimo) e strafogarsi di pop corn.

Però appunto, dicembre come mese in fin dei conti è banale, novembre invece è già una scelta più seria, più studiata. E poi ci leviamo dai coglioni ottobre, che detto fra noi è stato un mese non merdoso… Dippiù.

Comunque, in realtà qui cuffie di lana e sciarpe di lana sono ancora troppo pesanti. Perché come accennavo poco fa, ottobre è stato un mese merdoso (e lo è ancora) sia per una serie di ragioni che non elencherò qui, ma che potrei benissimo elencare seduta su un lettino dallo psicanalista, sia per il meteo altalenante. Io comunque ho un tossone spaventoso, segno che ottobre è un mese veramente del cazzo, con un clima idiota e insensato. Perciò confido in novembre, con tutto il mio cuore.

Prima di tutto perché non ho vestiti per affrontare altre giornate come quella di oggi o quelle passate. Secondo… Secondo continuo a non avere vestiti.

E dunque dicevo, novembre. Un mese che per me è già natalizio e questa è una cosa che io ripeto sempre e da sempre, giusto per infastidire le persone, in questo caso voi affezionati lettori.

Io amo il Natale e a novembre tutto assume già una sfumatura più festosa. In effetti fosse per me si potrebbe già addobbare casa e invece si aspetta sempre l’8 dicembre, che poi manco il tempo di mettere le tende con le renne in cucina che già è ora di levarle. Quando avrò casa mia, da SOLA, lascerò la casa tutta natalizia per tutto l’anno, primo perché sarò troppo pigra per levare tutto, secondo perché faccio schifo.

Comunque, ho comprato una cover natalizia per il mio telefono, perché il maglione natalizio dell’anno scorso non era sufficiente.

In molti mi danno della cinica, qualcuno mi ha anche dato dell’insensibile, cosa che io trovo terribilmente offensiva visto che nel giro di un secondo provo una vastissima gamma di emozioni (tutte contrastanti tra loro).

Ma se fossi cinica non amerei il Natale.

E pure Halloween va benissimo, visto che si parla di caramelle e dolcetti. E anche di morti, ma va beh.

Insomma, ho già una gran voglia di ossessionare tutti che sta arrivando il Natale, a casa mia ci sono già i primi cioccolatini sul tavolo e okay, basta. Attendo almeno metà novembre per scartavetrarvele con la storia del Natale.

Se ci sono fissati come me, che tutto l’anno fanno il muso e poi appena vedono un panettone al supermercato (magari dimenticato dall’anno prima, schiaffato tra un materassino per il mare e la colomba pasquale) si commuovono… Beh, sappiate che vi voglio bene.

Stanza vuota

Dopo la nebbia, il sole. I raggi crudeli, ingannevoli, che illuminano ma non riscaldano, mi raffreddano. Cammino nella città, caotica e confusa, gli addobbi ancora appesi, ma non colmano i miei vuoti, Natale è passato, nei bar c’è ancora, eppure è finito. Il pranzo è stato lungo, intenso, abbiamo riso tanto, così piacevole l’attesa, l’atmosfera di speranza e quel miscuglio di sapori, nelle bocche di vino e di amore, la radio accesa che augura buone feste, buone cose, la voce alta, i giochi assieme, i gusci della frutta secca sulla tovaglia rossa, quella che fa tanto Natale, vinta con i punti del Discount. È triste, ma la tavola è comunque ricca, di pietanze che invitano a stare insieme, a godere del lusso poco ostentato, ma non è il lusso di cui tutti parlano, è il lusso della compagnia, è il nostro lusso. Ci stringiamo, sotto alle coperte, questo Natale l’abbiamo passato insieme, dopo tanto. Però non sarà per sempre, è solo un modo per sentirci meno soli? Ripuliamo tutto, se ne vanno gli ospiti, ci lasciano ai nostri dubbi, siamo sfatti ora, stanchi, li guardo sparire oltre al cancello, vorrei dire loro di restare, che una volta andati si deve tornare alle giornate lunghe e nebbiose, che non puoi superare da sola. Guardo i regali scartati, i nastri scintillanti, i piatti con gli avanzi del dolce. Ci siamo raccontati tutto il giorno, ora ognuno torna alla sua vita, ai suoi dispiaceri, alle sue dimenticanze. Ma io non dimentico, trattengo, anche i sorrisi, che ora giacciono nelle scatole, assieme agli addobbi: i miei ricordi. Ci stendo sopra la malinconia, come una patina. Rientro nella mia stanza, poca luce, l’odore di stantio che ha la nostalgia, il vuoto che pulsa. Te ne vai anche tu, rimango da sola, nella mia stanza vuota.

Ma che freddo fa? (tag)

Ah, forse avrei dovuto usare il titolo originale.

love1Comunque, ringrazio la bravissima Viola, del blog Opinionista per Caso2, che realizza delle splendide fotografie di strada dove secondo me ci vuole una certa sfacciataggine, io non potrei mai, per dire. E ringrazio anche SognidiRnR che scrive molto bene e con ironia, oltretutto è una delle poche persone al mondo che – come me – “mangia” il brodo e non potrei che apprezzarla per questo. Quindi grazie per aver pensato a me nel tag Love Winter, ideato dalla scrittrice Laura Rocca del blog Racconti Dal Passato (altro bel blog!). Ecco, ho sudato freddo e spero di aver azzeccato tutti i link. Questo è il secondo tag a cui rispondo ed è più una sfida per me, nel senso che al primo tag nessuno dei nominati aveva risposto e ora voglio vedere se sarà di nuovo così, nel caso direi che potrei vincere qualcosa. Io di dirvi cosa dovete fare non me la sento, perciò mi limito a rispondere.

1. Elenca i motivi per cui ti piace l’inverno: tecnicamente dovrebbe fare freddo e nevicare, ma qui nonostante il Friuli non sia proprio una regione tropicale fa caldo, troppo caldo per essere il 20 dicembre. Non c’è un inverno degno di esser chiamato tale da un sacco di anni. Ah, mi piace l’inverno perché odio le mezze stagioni, anche se quelle non ci sono più.

2. Qual è il film che più ti fa entrare nel clima di questa stagione? Beh, siccome a Natale siamo tutti più frivoli (o almeno, io lo son), direi L’amore non va in vacanza, forse uno dei film più noiosi al mondo, dove Cameron Diaz perde tutta la sua verve per diventare una schizzata che non piange mai. Il film è ambientato a Natale, perciò più invernale di così: si muore. Anche Il diario di Bridget Jones è molto invernale, sempre clima natalizio e poi c’è Colin Firth con cravatte e maglioni a tema natalizio… Che vuoi di più dalla vita?

3. Qual è il libro che più ti fa sentire in sintonia con questa stagione? Direi la saga di Harry Potter… In ogni libro si parla di cibo pesante, dolcetti, neve, freddo e Natale. Non posso certo dire che sia un libro della mia infanzia. Rileggo Harry Potter ogni anno, in ogni stagione… E a ottant’anni sarà ancora così, penso che mi farò seppellire con i sette libri di Harry Potter, sì!

4. Un posto che ti piacerebbe visitare d’inverno. Qualsiasi città europea fredda, dove potermi lamentare del freddo in santa pace.

5. Qual è il piatto che preferisci mangiare d’inverno? Anche io devo rispondere il brodo, quello che fa mia mamma, con l’ingrediente segreto, è riuscita a far piacere il brodo a tutti i mocciosi della terra.

6. Dimmi la prima cosa che ti viene in mente legata all’inverno. Paradossalmente il caldo, quello che andiam a cercar accanto alla stufa.

7. Qual è la canzone che ti ricorda di più l’inverno? Amo i canti di Chiesa, sia quelli tristissimi dove Gesù finisce sempre malissimo, sia quelli gospel, ovviamente devono essere a tema natalizio.

8. Cosa sono le cose che ami di più fare in inverno? Mi piace bere tè caldo, ma lo bevo anche in piena estate, però in inverno non devo dare spiegazioni a nessuno e quindi è più piacevole.

9. Qual è il tuo capo d’abbigliamento preferito per l’inverno? I maglioni della nonna. Che non sono dei maglioni fatti da una nonna, no. Io me li vado proprio a cercare, ci spendo pure soldi e li indosso ricevendo qualche insulto da parte di qualcuno che mi ricorda che ho ventiquattro anni.

10. La cosa più bella che ti è capitata d’inverno. Ricevere un regalo costoso.

Sperando di avervi annoiato a sufficienza (se così non fosse, rileggetevi tutto daccapo) passo a nominare gli “intaggabili” e coloro che (se non erro) hanno già partecipato:

Uno spicchio di di MelaSbacata

La veletta  della mia Vedova preferita (MissisWhite)

Ricette da coinquiline la nomino tutta, giusto per infastidirla

I baffi da neo sedicenne di Ysingrinus

E basta, altrimenti perdo la sfida.

 

 

 

 

 

 

 

 

Deliri natalizi

immagini-natalizie-renne-natale

Renne prese dal Web

Oggi dopo due ore di addestramento cane – padrona dove mi sono resa conto di aver un gran bisogno di fare attività fisica come si deve, visto che ho doloretti dappertutto manco avessi corso i 100 metri piani, ecco, dopo tutta la faticaccia sono stata al centro commerciale. Sì, andarci di domenica, sotto alle feste, è da vergognosi, da poco filantropi, da sfigati. Pensate me ne freghi qualcosa? Sapete, quando lavoravo al ristorante (Dio benedica la carne grigliata che facevano) nessuno veniva a compatirmi perché passavo lì i miei weekend più le feste (e i giorni feriali), no, al massimo dicevano “signorina ma con tartufo s’intende il tartufo quello vero?” Certo signora, dopo è pure previsto un bagno nel Dom Perignon. Dunque, quando io vado a fare compere natalizie ci vado rilassata, in pace con il mondo, può esserci l’inferno dentro ma io me la godo un sacco, sorseggio il mio caffettino con aria di chi la sa lunga, ammiro le vetrine, spiegazzo magliette con qualche senso di colpa, e via così. Appena varcata la soglia del centro commerciale mi ritrovo davanti una fila di ragazzine (più qualche ragazzino) in fibrillazione, in un’attesa snervante, con gli occhi fuori dalle orbite… Per chi? Per la star del web Tal dei Tali (non è il suo nome  d’arte eh, anche se a pensarci un attimo come nome non sarebbe male). La. Star. Del. Web. Insomma, al posto di Babbo Natale (che io ho sempre trovato parecchio inquietante nei film americani) c’era sto giovine con un cappellino in testa e un accenno di barbetta (chissà se gli erano già spuntati i primi peli sul petto) e stava lì a farsi i selfie con le tipe che avrebbero potuto benissimo essere mie figlie. (Si fa per dire, dai). Queste una volta che arrivava l’agognato momento si fiondavano tra le braccia della stella del web e via a scattare foto. Uno spettacolo davvero raccapricciante. Per non parlare di tutte le siorette che giravano per il centro commerciale con dei cani – topo infilati nelle borsette, nei carrelli, in braccio, tutti coi cappottini, con 50 gradi dentro. Brave, cretine! Nonostante questi piccoli disagi umani in cui mi sono imbattuta ho realizzato uno dei miei sogni più intimi, che tra l’altro avevo già svelato: ho trovato il peggior maglione con le renne nell’intero universo! Non solo dotato di renne, ma anche di altri decori e cuoricini. Gente, che kitsch! Me ne sono innamorata perdutamente e ovviamente l’ho comprato, senza pensarci due volte. Una volta all’anno amo sentirmi ridicola, meglio ancora se a Natale.

L’albero di Natale no, non l’avevo considerato

natale

(Foto presa dal Web)

Ricordo ancora (seppur vagamente) le parole (preferirei chiamarle cazzate colossali) di Salvini (l’anno scorso, qui l’articolo) in merito alla scelta di vietare il presepe nelle scuole. Parole che suonavano come una paraculata pazzesca!

Dico la verità, più una roba è commerciale, più ci sguazzo dentro, più ne rimango ammaliata, poco m’importa se non credo, lo testimoniano le righe che ho speso a novembre sul Natale e, se non erro, pure a settembre.

In casa mia il presepe si faceva, nonostante mia madre fosse l’anticristo, in fin dei conti non ci ho mai visto nulla di male, io con gli animaletti del presepe ci giocavo, figuriamoci. I bambini pure se hanno qualche credenza campano lo stesso e se come tradizione hanno il bambin Gesù messo il 25 dicembre nella stalla o la punta sull’albero di natale, poco cambia.

Leggo infatti questo articolo in cui ci si pone il problema del presepe nelle scuole, facendo un riferimento all’istituto Garofani di Rozzano, dove il dirigente scolastico che per comodità chiamerei Grinch ha abolito il consueto concerto di Natale (rimandandolo al 21 gennaio, in veste più laica). Nell’articolo ci si chiede infatti se il presepe possa essere pertinente, viste le numerose “minoranze” presenti nelle scuole, appartenenti ad altre religioni. Quesito sensato? In realtà non si fa riferimento solo ad altre religioni ma anche alla grande quantità di bambini italiani che non hanno ricevuto alcuna “educazione” religiosa. L’aspetto che mi è piaciuto di più dell’articolo è stato questo che vado a citare: “potrebbe anche trattarsi però, di una laicità non tanto per sottrazione, ma per moltiplicazione. Nel caso del Natale, ad esempio, si tratterebbe non di togliere tutti i simboli, ma accostarne diversi.” Una considerazione sensata, finalmente! Non c’è cosa più bella di contaminare la propria cultura con quella altrui, che non è una privazione bensì un utilissimo arricchimento.

E ancora “Chi sostiene come Matteo Salvini, più presente in tv che in Chiesa, che così ci indeboliamo di fronte all’Isis, non capisce che la laicità vera – sia nella variante per sottrazione che per moltiplicazione dei simboli – porta con sé un universalismo etico forte e insieme inclusivo.” Stessa cosa che ho pensato io mentre leggevo le sue polemiche, va bene tutto, ma perché quando si tratta della consueta battaglia allo straniero diventiamo improvvisamente tutti dei timorati di Dio?

Secondo me la religione cristiana ha dei bellissimi principi (non la Chiesa, attenzione!) e, per dire, le parabole erano davvero interessanti, un po’ come le favole di Fedro. Sui simboli puramente “cristiani” se tenerli o meno (tipo il crocifisso) non ci ho mai riflettuto granché, perché per me è del tutto irrilevante. E l’albero di Natale? Perché non decorarlo con degli addobbi che richiamino le varie tradizioni che i bambini si portano appresso, così da fare tutti contenti? Farebbe troppo “volemose bene”? Eh, io rimango sempre una gran sognatrice…