Ancora sequel: Gilmore Girls

gilmore-girls

Nostalgia canaglia!

Ieri non resistendo come sempre all’impulso di guardarmi un sequel (per poi lamentarmene, ovviamente) ho visto la prima puntata della nuova serie di Una mamma per amica (Gilmore Girls).

Ora, Una mamma per amica non è una serie proprio recentissima, di conseguenza io mi sono sempre vista le puntate quando capitavano in tv. Quindi per finire tutte le serie ci sono voluti secoli…. Ah, che nostalgia!

Detto ciò, Una mamma per amica per me era davvero una buona serie. Credo di averne già parlato tempo fa, quando si vociferava di un possibile “revival”, riassumo dicendo che ho sempre apprezzato la classe di quella serie: pulita, elegante, buoni riferimenti musicali e letterari… Tanto, troppo cibo. I personaggi sono eccessivi, ma credo che sia una delle caratteristiche che rende la serie particolare e godibile.

Ma veniamo a questo “sequel”, se così possiamo definirlo.

I personaggi sono ovviamente invecchiati. Tra l’altro ho notato che Lorelai, Bridget Jones e Meredith di Grey’s anatomy hanno finito con l’assomigliarsi, non so se sia perché sono doppiate tutte da Giuppy Izzo, però vi giuro che per me hanno l’espressione identica, certe volte. Questo è uno dei primi punti che ho trovato inquietanti: Lorelai è ingrassata (sì, sono una brutta persona) e non so se abbia fatto ritocchini, fatto sta che sta invecchiando in modo strano.

La casa di Lorelai non è più essenziale come una volta. Tutta decorata per Natale è piena di stoviglie, la tv schermo piatto e così via. Ovviamente è al passo con i tempi e io provo sempre una fitta di amarezza quando una serie tv si adatta ai tempi. Ora tutti hanno lo smartphone, il Mac (che poi negli Stati Uniti non esistono altre marche di pc?)… Che noia.

Lo strano Kirk invecchiando ha finito con il somigliare sempre più a Edward Norton. Però la brutta copia, ecco. Non mi è mai piaciuto e non ho certo cambiato idea rivedendolo dopo anni.

Luke forse è il personaggio più fedele, nonostante l’abbondante pancetta che ha messo su ha mantenuto il carattere di prima, forse si è un tantino addolcito. Nel suo locale c’è sempre il divieto di utilizzare il telefonino, in compenso pare ci sia il wifi.

Rory… Rory è stata una delusione. L’ho trovata insopportabile, okay che mò ha 32 anni, però. Sembra che abbia perso per strada i valori che la contraddistinguevano prima, ma forse li aveva già iniziati a perdere quando stava con Logan (il riccone biondo).

Lane… Per Lane (la migliore amica di Rory) avevo immaginato un futuro diverso e già ero rimasta delusa nella settima serie, quindi continuo a provare delusione per la sua sorte. In compenso continua a suonare con la sua band, ma anche lì… Scene tristi.

La prima puntata è stata pesante, poi la poracciata di Netflix che fa nominare “Pablo Escobar” a Lorelai (mi par). Dio mio. Che tristezza.

Non lo so, la tecnologia ha scombussolato la serie, che sembrava una casa delle bambole immortale e immutabile.

Ah, il caffè è stato rimpiazzato dallo scotch.

C’è qualche (misero) colpo di scena, qualche novità che evito di anticiparvi (alla fine sono una brava persona).

Io le altre puntate le vedrò quasi sicuramente, anche perché tra un po’ mi scade la prova gratuita di Netflix, quindi mi devo spicciare.

In generale, prima puntata moscia, poco briosa, per nulla frizzante (visto quanti modi per non dire noiosa?). I personaggi quasi tutti forzati (tipico dei sequel), manca il ritmo della serie originale, mancano i dialoghi brillanti, ma va beh, come sempre me l’aspettavo!

Annunci

Sequel? No grazie

Ma quindi è vero? Ci sarà un ottavo libro di Harry Potter? Pensavo fossero tutte bufale, figuriamoci che non ho mandato giù manco il finale del settimo libro “19 anni dopo” dove i protagonisti sono tutti adulti e navigati in un mondo rose e fiori, grrr, che nervi! Per non parlare delle dichiarazioni – confessioni dell’autrice trilioni di anni dopo “Harry doveva mettersi con Hermione”, eh? Prego? Questo per accontentare i lettori con gli occhi foderati di prosciutto, che evidentemente hanno letto un’altra saga… Ma a parte questo, un ottavo libro in uscita il 31 luglio, intitolato “Harry Potter e il bambino maledetto”, e io ho solo una domanda, perché? Non poteva l’autrice continuare a scrivere altri libri, estranei al mondo di Harry Potter? Tipo “Il seggio vacante”, che fra l’altro ho letto, e sebbene l’abbia trovato scorrevole e tutto quanto mi ha lasciata un tantino perplessa… Io detesto sequel inutili, spin -off di telefilm e robe di questo genere, vanno a intaccare la purezza della trama originale, già deturpata abbondantemente dai film (in questo caso), che a parte i primi due (non a caso regia di Chris Colombus) hanno perso tutta la magia e l’umorismo dei libri. Nel sito Libreriamo vengono proposti sette possibili sviluppi della trama che vado a copiarvi proprio papale papale a come sono scritti lì.

“E ‘stato sempre difficile essere Harry Potter e non è molto più facile ora che è un dipendente oberato di lavoro del Ministero della Magia, un marito e padre di tre bambini in età scolare. Mentre Harry alle prese con un passato che rifiuta di rimanere al suo post , il suo figlio più giovane Albus deve lottare con il peso di una eredità di una famiglia non ha mai voluto. Il passato e il presente si fondano pericolosamente, padre e figlio impareranno una scomoda verità: a volte, l’oscurità viene da luoghi inaspettati.” Ammette la siora Rowling, allora se è tanto difficile lasciamolo stare dove sta, no? Io di certo non me lo figuro adulto, nonostante il tentativo del settimo libro di propinarceli tutti grandicelli e con prole.

7 sviluppi della trama, dalla pagina Libreriamo:

1) Una relazione complicata per Ron ed Hermione 

Complicata, ma divertente. Una rapporto litigioso, ma amorevole, non come quando erano adolescenti. Sarà curioso vedere come la Rowling intenderà il rapporto tra i due, soprattutto dopo che, per sua stessa ammissione, Hermione avrebbe dovuto sposare Harry. Le voci vogliono che probabilmente i due abbiano divorziato. Ci sono davvero un centinaio di modi in cui questo rapporto potrebbe continuare. Non resta che aspettare.

2) Quale casa di magia per Albus Potter? 

Quasi sicuramente il secondogenito di Harry Potter e Ginny Weasley non appartiene a Grifondoro. Rimane il dubbio su quale sia la sua casa di magia di appartenenza, ma Albus confidò a suo padre la paura di essere smistato nei Serpeverde, ma Harry, per rassicurarlo, gli disse che l’uomo più coraggioso che abbia mai conosciuto, Severus Piton, era un Serpeverde, e che poteva chiedere al Cappello Parlante di essere assegnato a Grifondoro perché il cappello parlante tiene conto delle richieste.

3) Malfoy ci sorprenderà in qualche modo 

Due i motivi principali a sostegno di questa teoria. Prima di tutto perché la Rowling non sarebbe mai tornata sul personaggio per non porre delle novità al personaggio. Il secondo motivo riguarda il fatto che Malfoy non ha avuto in fin dei conti una completa redenzione. Interessante sarà anche la relazione tra l’unico figlio di Astoria e Draco Malfoy, Scorpius,  e Albus Potter, secondogenito di Harry. Magari finiranno per fare amicizia o forse no, sarà il tempo a dirlo.( Manco fosse il sequel del Re Leone… ) Aggiungo io.

4) Scopriremo che cosa è accaduto a Lavanda Brown 

I fan della saga si saranno spesso interrogati sulla fine che avesse fatto Lavanda Brown. E ‘stato ipotizzato che sia morta a causa delle ferite nella Battaglia di Hogwarts , un fatto che non è mai stata confermato nei libri, ma è stato ritratto nei film. L’ipotesi è che possa avere un ruolo importante nel continuo della saga. (Ma un chissenefrega grande come una casa, no?)… Aggiungo io.

5) Vedremo che effetti avrà avuto sui protagonisti la guerra finale  

Probabilmente avremo un assaggio di come ogni personaggio ha gestito individualmente le conseguenze della guerra di Hogwarts. Ne saranno segnati profondamente o riusciranno ad andare avanti con le loro vite?

6) Scopriremo qualcosa di nuovo su Teddy e Victoire 

Victoire è la figlia di Bill Weasley e Fleur Delacour. Nel 2017 è fidanzata con Teddy Lupin. Scopriremo qualcosa di più su questa coppia di cui nei film non viene detto quasi nulla.

7) Una inaspettata oscurità potrebbe travolgere i personaggi buoni della saga

In mezzo ai buoni ci potrebbe essere un traditore. Forse è questa la novità più importante che riguarda il nuovo capitolo della saga. Gira infatti la voce che qualcuno che prima era alleato possa diventare nemico. La parola “inaspettato” dà sicuramente la sensazione che il buio e l’oscurità possa pervadere l’animo di diversi personaggi.

Io so già che essendo una persona a dir poco morbosa non resisterò alla tentazione di comprarmelo, però sono molto amareggiata, questo va detto.

Qui l’articolo completo di Libreriamo.